Entra in chiesa con una valigia completamente ubriaco e urla frasi incomprensibili al parroco. Un arabo di 35 anni è stato allontanato dai Carabinieri.

Arabo in chiesa con una valigia urla al sacerdote

Una scena che nei primi secondi è sembrata terrificante. Domenica, poco dopo le 8.30, un uomo è entrato nella chiesa parrocchiale di Manerbio trascinando con sé una valigia; si è poi seduto nei primi banchi e ha iniziato a urlare frasi mescolando l’italiano all’arabo.

arabo chiesa valigia parrocchiale Manerbio
La chiesa parrocchiale di Manerbio

Una bomba nella valigia

I fedeli si sono intimoriti dal momento che il bagaglio, di grandi dimensioni, avrebbe potuto contenere un ordigno esplosivo. Così alcune persone sono uscite immediatamente dalla chiesa e hanno chiamato il 112, mentre il parroco don Tino Clementi ha continuato la funzione religiosa. L’uomo è stato scortato all’uscita dai Carabinieri della stazione di Manerbio, senza opporre resistenza.

La denuncia

Si tratterebbe di un 35enne, di origine marocchina, residente in Toscana; all’interno della valigia aveva solo effetti personali e una bottiglia di vino bianco. Il marocchino però è finito comunque nei guai, denunciato per disturbo della funzione religiosa, dovrà inoltre rispondere di ubriachezza molesta.

Leggi anche:  Manerbio: al via la caccia la tesoro dell'oratorio

Solo poche settimane fa un questuante straniero era entrato in chiesa per chiedere ai fedeli l’elemosina tra i banchi, interrompendo la funzione religiosa.