Commenti Recenti

Ottimo l’articolo di Veronica Crescente su Don Angiolino Cobelli!

14 ottobre alle 08:19

Al momento si segnalano ancora diversi furti in abitazioni soprattutto di giorno. Quindi non capisco come tutte queste dotazioni di telecamere ai varchi non riescano a frenare questo fenomeno. Nemmeno il contrOllolai del vicinato. Che fare ? Sono utilizzate correttamente?

10 ottobre alle 21:30

Ms il piromane é in carcere o è stato rilasciato?

9 ottobre alle 22:47

E diventato uno schifo per i soldi ti fanno morire tutti, a loro non interessa inquinare con le discariche o buttare porcheria nei campi, dopo che si paga per smaltire ti fanno morire lo stesso.

8 ottobre alle 18:25

Leggo di questo spiacevole inconveniente accaduto ad un compagno di passione
Mi chiedo come sia possibile che scriviate parole come “aeroplanino”, “aliante” e “singolare incidente”. Stiamo parlando di di un gioco? Io non credo…o meglio, spero non lo consideriate tale.
Scrivere “lamiere dell’aliante” è come commentare un incidente d’auto parlando di resti di una motocicletta.
Detto questo: viva il giornalismo fatto con informazione e correttamente e soprattutto buona guarigione alle persone coinvolte. E soprattutto, a presto tra le nuvole!
Mattia

7 ottobre alle 21:21

Bella situazione, che continuando così si allargherà come quando si tira una pietra in uno stagno. A furia di guardare il ‘PIL’ ci ritroveremo col sedere aq terra ,senza possibilità di appelloe saremo vittime del nostro ste4sso egoismo avido.

7 ottobre alle 18:09

Basterebbe che le barriere si abbassassero circa un minuto prima del passaggio del convoglio, (manovre comprese e magari con un operatore e non comandate da un computer programmato male), e si alzassero due secondi dopo il passaggio del convoglio stesso. Il codice della strada che conosco prevedeva l’azionarsi delle barriere “almeno 25 secondi prima del passaggio del treno più veloce “; non mi pare faccia menzione del tempo dopo il passaggio del treno, ma per questo basterebbe solo usare l’intelligenza. Una volta ho visto un’ambulanza con le luci di emergenza attive rimanere ferma davanti alle sbarre abbassate per diversi minuti. I sensori elettronici (doppi e/o tripli per sicurezza) oggigiorno non costano quasi nulla e sono affidabilissimi. L’installazione e la manutenzione degli stessi andrebbe a specialisti delle ferrovie; si sa che il personale non manca (senza polemiche). Inoltre, e questo si può attuare (anzi si dovrebbe) subito: i semafori posti prima del passaggio a livello si devono accendere (rosso) pochissimi attimi prima dell’abbassarsi delle barriere, e spegnersi all’alzarsi delle stesse (e non dopo diversi secondi); sennò obbligano i transitanti sulle strade, auto, moto o pedoni che siano, a passare con il rosso. Si vada a controllare.

2 ottobre alle 11:38

Speriamo che domattina, si possano alzare tutti dal letto, più in forma che mai.
In bocca al lupo, ragazzi.

1 ottobre alle 23:55

Finalmente ti hanno beccato anche se non riavrò la mia macchina spero che ti diano 20 anni

1 ottobre alle 17:45

don mario 6 un grande

1 ottobre alle 10:36
Da Ivan Cremaschini su Come in un film ad Alfianello

Come sempre mettete le notizie come vi fa comodo da elogiare il gruppetto di ragazzine di 15/16 anni che hanno partecipato che non sono nemmeno state prese in considerazione ne dà voi e nemmeno dalla giornalista

30 settembre alle 11:40

a breve (5-6-7 Ottobre) ci sarà la fiera dell’emergenza a Montichiari. E’ previsto come tutti gli anni un grande afflusso di persone. Che rischio c’è di contrarre ancora la legionella? Che misure hanno adottato gli organizzatori? Che precauzione dovranno utilizzare i visitatori?

27 settembre alle 12:24

un provvedimento ridicolo, con più eccezioni che restrizioni, in cui praticamente sono vessate solo e sempre gli stessi: le famiglie, anche quelle che non hanno alternative e che da agosto ad oggi non hanno di sicuro potuto cambiare l’auto. La Regione farebbe bene a ispezionare magari i riscaldamenti della PA, le caldaie, invece la Pubblica Amministrazione può continuare sempre a inquinare come vuole, e alla fine si trova ad essere sempre sopra qualsiasi norma antiinquinamento. Una vergogna.

26 settembre alle 20:21

siete pregati di rettificare l’incidente di remedello in via rossi del 25/9/018 in quanto è stato il conducente della volvo a non vedere la audi a4 che svoltava a destra con regolare freccia e quindi a tamponarla e l’ambulanza era dei volontari di gambara (sono il conducente della a4 tamponata)

26 settembre alle 10:49

Quinzanese strada maledetta…quando si decideranno a trovare un’alternativa? Per non parlare del semaforo di Fenili Belasi: inutile e dannoso!!!!

25 settembre alle 20:47

io profano.. ma.. evaporazione di prodotti chimici nei campi agricoli come ( fertilizzanti antiparassitari ecc ) con il caldo evaporano e cosa creano???
visto che colpiscono maggiormente periferie e zone agricole.
anche la nitro sola e nulla ma con aggiunta di clicerina diventa un esplosivo

25 settembre alle 12:22

il funerale di mio papà ( Gino Daldoss ) sarà celebrato mercoledì 26/09 p.v. alle ore 14,30 nella chiesa parrocchiale di Remedello Sopra. Il nulla osta ci è stato rilasciato sabato pomeriggio.

24 settembre alle 18:56

mai nessuno pensa hai fanghi che vbengono sparsi nelle nostre campagne? Ancora nn ho sentito nessuno dire “analizziamo anche quelli”

24 settembre alle 13:49

Via gottolengo è una strada molto stretta e pericolosa e percorsa da auto e camion ogni giorno ad alta velocità . Io non la faccio quasi mai ma quando devo farla mi fa paura percio spero che la allargano o prendono provvedimenti

23 settembre alle 13:39

Le amministrazioni hanno detto NO, ma chi tutela la salute delle persone ha detto SI. Questa è la triste realtà.

21 settembre alle 14:50

Ma i cittadini non contano proprio niente ?

21 settembre alle 13:51

Fabrizio Pasini, come poteva essere solo amico di Manuela Bailo, se erano insieme e da soli anche alle 4 di mattina?

21 settembre alle 10:47

Non ero a conoscenza che la polmonite fosse infettiva e che potesse manifestarsi in forma epidemica. Anni or sono in questa stagione ,si ebbero parecchi casi di polmonite,alcuni anche gravi a Genova , ma pensai a coincidenze e non proprio epidemia. Comunque, sempre in questi casi è bene arrivare alla causa iniziale e allo sviluppo della malattia, anche per esperienza futura.

19 settembre alle 19:59

manca l’arma si, ma soprattutto il movente. e ho delle riserve sull autopsia. dimostrare durante il processo che il taglio alla carotide sia effettivamente di un coltello, dopo tutto quel tempo passato dal corpo all aperto, la vedo dura. gli inquirenti non dovevano fare partire pasini in vacanza; avevano gia tanti elementi poer il fermo, dovevano interrogarlo e farlo confessare. hanno peccato di arroganza nella speranza di trovare loro il corpo ma cosi non è stato. ed hanno perso del tempo prezioso

14 settembre alle 19:26

È falso e generico che le polmoniti batteriche sono più facili da debellare, in particolare la polmonite da legione la può essere molto grave anche in soggetti sani.

13 settembre alle 08:21