Cento ammalati onco-ematologici dell’ASST Spedali Civili di Brescia e dell’Ospedale Borgo Roma di Verona, grazie agli armatori del circolo FVD veleggiano oggi nel golfo di Desenzano: si tratta di una parte del percorso terapeutico.

L’evento

Grazie ad AIL – Associazione Italiana Contro le Leucemie-Linfomi e Mieloma, il Progetto “Sognando Itaca” edizione 2019, è letteralmente salpato da Napoli ne mese di giugno scorso, toccando da allora porti del Meridione (Napoli, Siracusa, Palermo per citarne alcuni). L’iniziativa gode dell’alto patrocinio del Presidente della Repubblica, ed ha visto come tappa conclusiva proprio Desenzano del Garda.

La parola ai presenti

Stamane alle 11 si è tenuta la conferenza stampa presso la sede della Fraglia Vela, cui sono intervenuti fra gli altri la presidente Romana Fosson, l’assessore alle politiche culturali e servizi sportivi di Desenzano Francesca Cerini, Daniel Lovato vice presidente regionale del progetto ed il presidente dell’Associazione Oncologica Bresciana Michele Costa. “Sosteniamo con impegno e passione “Sognando Itaca”, ha esordito la Fosson. Altrettanto orgoglioso il commento dell’assessore Cerini, in rappresentanza dell’Amministrazione comunale.

Leggi anche:  Record di problemi al velodromo di Montichiari: l’emorragia di denaro non si ferma

Non ci sono camici bianchi a bordo delle imbarcazioni del Progetto, bensì amatori e personale sanitario in grado di assistere i malati coinvolti nel viaggio. “Abbiamo la fortuna di portare in barca per un percorso di riabilitazione psicologica i pazienti – ha spiegato Lovato – Ogni giorno si dà loro una speranza in più, attraverso un progetto che si attiva e si concretizza per questo”.

Nel corso della giornata odierna, i pazienti coinvolti e le famiglie, oltre a membri di AIL, sono stati ospitati presso gli spazi della Fraglia Vela; dopo un pranzo di gruppo hanno potuto veleggiare per il golfo desenzanese ed al termine ci sarà un momento di consegna riconoscimenti.

TORNA ALLA HOME