E’ stato fortunato il piccolo di Folaga, trovato ieri sera verso le 19.00, vicino alla riva del lago all’altezza di Paratico. La corrente lo stava trascinando veloce verso la diga di Sarnico, quando due ragazzi in bicicletta l’hanno fortunatamente notato e messo in salvo per un pelo.

Tanta paura per il piccolo animale

L’uccello acquatico di pochi giorni, si è ritrovato solo in balia delle intemperie e dei predatori. Non si sa perché non fosse sotto la custodia della madre, forse il maltempo ha distrutto il nido. Questa specie abitualmente nidifica sulle sponde del bacino e nel caos del temporale, la piccola si potrebbe essere allontanata troppo, restando sola. Fatto sta che se non fosse stato per due giovani ciclisti di Villongo che passavano in zona per caso, per lei non ci sarebbe stato un lieto fine. I ragazzi, hanno notato che la situazione non era ottimale “Era spaventata, ce ne siamo accorti subito, non faceva che gridare. Così abbiamo deciso di seguirla e cercare di prenderla”, ha raccontato uno dei soccorritori. All’improvviso le onde l’hanno lanciata sotto la gelateria “La gatta”, situata dopo il ponte che divide le due provincie di Brescia e Bergamo, ed è stata proprio quella l’occasione per recuperarla, “mi sono affacciato dalla balconata del locale, e abbassandomi con la testa quasi in acqua ho raggiunto il piccolo con le mie mani e l’ho agguantato”, ha spiegato il ragazzo.

Leggi anche:  Livigno, capitale sportiva e green alle Olimpiadi

Il trasferimento al cras

Una volta recuperato il cucciolo, è stata allertata la provinciale per il trasporto al CRAS (centro recupero animali selvatici) di Paspardo. Dopo tanta paura il piccolo uccello ora si trova al sicuro, tra le mani esperte della balia del centro specializzato. Non ha riportato ferite e sta bene, nonostante senta nostalgia della madre. E’ stato poi assicurato che nel momento in cui avrà raggiunto l’età idonea verrà riportata nel proprio habitat naturale.

TORNA ALLA HOME