E’ stata un operazione ben riuscita, quella dei Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Brescia, che nei giorni scorsi, dopo diversi appostamenti, hanno arrestato un pusher che da tempo operava al Villaggio Sereno di Brescia.

L’accusa

Si tratta di un quarantacinquenne italiano, nullafacente. L’accusa è stata quella di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. I militari, in borghese, a seguito di una precedente segnalazione da parte di alcuni residenti, hanno monitorato gli spostamenti del soggetto per diversi giorni.

L’osservazione ha portato i carabinieri a ritenere che il narcotico fosse occultato, proprio nell’abitazione del sospettato. Così dopo aver fermato per strada lo spacciatore che non deteneva nulla sulla propria persona, si sono recati a casa del sospettato trovando così le fonti di prova del reato. Dopo il controllo sono stati rinvenuti ben 750 grammi di marijuana, due bilancini di precisione al millesimo di grammo e altro materiale per il confezionamento oltre che a 1.550 euro, che il puscher teneva in una scatola metallica e suddivisi in banconote di piccolo taglio.
Ora, lo spacciatore, dopo essere stato giudicato per direttissima, è stato arrestato.

Leggi anche:  Il Pd lombardo da Fontana per presentare le 10mila firme all’appello #BastaTrenord

TORNA ALA HOME