Presentata ieri (sabato) la XXII edizione del Trofeo Nuoto Città di Salò nella sala conferenze della Società Canottieri Garda Salò.

Il Trofeo Nuoto Città di Salò inaugura gli eventi 2020

La XXII edizione inaugura il calendario eventi 2020 della Canottieri Garda. L’evento è patrocinato dalla Regione Lombardia e dal Comune di Salò – Assessorato allo Sport.

Al Polo Sportivo Canottieri 0ggi (domenica) scenderanno in acqua 440 atleti, per un totale di 1057 presenze gara, appartenenti alle categorie: «Esordienti A», «Ragazzi», «Juniores» e «Assoluti».
I nuotatori sono tesserati per 20 società provenienti da Lombardia, Veneto, Trentino e Lazio.

«Questa edizione del Trofeo conferma una decisa crescita qualitativa, in linea con i nostri obiettivi – commenta Nicola Benedetti, Direttore del Polo Sportivo –  Lo dimostra il livello degli atleti in gara ma anche una capacità organizzativa che migliora di anno in anno e che ci permette di guardare con ambizione al futuro».

Una manifestazione in costante crescita, forte dell’entusiasmo degli organizzatori che puntano ad aggiungere, anno dopo anno, nuovi tasselli in un’ottica di costante miglioramento e al fine di creare un evento a misura delle esigenze degli atleti.

Leggi anche:  Cake Star a Salò: quale sarà la miglior pasticceria della zona? VIDEO

«La nostra città è lieta di accogliere questo evento sportivo che acquisisce, di anno in anno, sempre più prestigio – ha commentato l’assessore allo Sport Aldo Silvestri – É bello vedere come la piscina del Polo Sportivo venga animata dalla presenza di così tanti giovani atleti. Il mio grazie al direttore del Polo Sportivo Nicola Benedetti ed ai suoi collaboratori».

Ad introdurre la serata il presidente della Società Canottieri Garda Salò MarcoMaroni,intervenuto anche il Direttore Tecnico della sezione Nuoto Carlo Boni.

Sport, prevenzione e performance dell’atleta

La serata ha visto poi l’intervento del dottor Roberto Galli il quale ha relazionato sull’importanza di un corretto stile di vita e di come questo possa influire in maniera importante sulla performance dell’atleta sia a livello preventivo che prestativo. Fondamentale il mantenimento di un equilibrio metabolico da raggiungere applicando protocolli ad hoc a seconda della patologia, del tipo di sport praticato e dell’atleta.

L’articolo completo nel numero di Gardaweek/Montichiariweek in edicola da venerdì 17 gennaio

TORNA ALLA HOMEPAGE