Premio Gasparo da Salò a Giovanni Ciolina, l’importante riconoscimento è stato consegnato oggi (lunedì) nella cornice della Sala dei Provveditori all’interno del Palazzo della Magnifica Patria.

Nell’occasione sono intervenuti il primo cittadino Giampiero Cipani, Leonardo Ardigò (medico e collega di Ciolina) Gianluca Banalotti (presidente dell’Avis Salò), Aldo Corsetti (già sindaco di Valvestino) e Roberta Ghirardi (in rappresentanza della Prefettura di Brescia).

Ad allietare il pubblico la splendida esecuzione al pianoforte del maestro Gerardo Chimini.

Premio a Giovanni Ciolina

«Il mio grazie va al sindaco e alla sua amministrazione – ha dichiarato Ciolina – Idealmente condivido questo premio con tutti gli avisini i quali, con il loro dono anonimo e gratuito contribuiscono a fare grande l’Avis che, da pochi giorni, ha superato i 1500 soci donatori. Un premio che, sempre idealmente, condivido con il Gruppo Solidarietà Salodiana di cui sono vice presidente e con la Società Mutuo Soccorso di Salò di cui, dalla primavera, sono presidente. Un premio che voglio dedicare in particolare a Nello Madureri, collega e amico scomparso poco meno di un anno fa. Un grazie particolare va inoltre alla mia famiglia e a mia moglie che è sempre stata sponda e stimolo nel mio lavoro. Grazie infine a tutti i miei assistiti e a tutti coloro che oggi sono qui presenti».

Per anni medico di base nella città benacense, ricopre ora il ruolo di direttore sanitario dell’Avis di Salò oltre ad essere presidente della Società di Mutuo Soccorso. La notizia è stata ben accolta dai concittadini che lo hanno sempre riconosciuto come una persona disponibile e garbata oltre che come uno stimato medico, un vero professionista sempre pronto a dare consigli ai suoi pazienti, una professione che ha svolto con tanta umanità. Il (meritato) pensionamento è avvenuto nel dicembre del 2016.

Leggi anche:  E’ in edicola il nuovo numero del Chiariweek

La motivazione

«Per le sue doti di innato senso civico che lo hanno portato a svolgere con dedizione e passione non solo il suo lavoro di medico di base, ma anche impegnativi incarichi ricoperti nell’Avis e in importanti, storiche istituzioni locali di volontariato sociale».

Il premio

Il Premio «Gasparo da Salò» è stato istituito nel 2000 dal sindaco Giampiero Cipani.

«Il premio è pensato per gratificare chi, tra i nostri concittadini, si sia particolarmente segnalato sia  all’interno della città con le sue opere e sia portando il nome di Salò al di fuori dei suoi confini» ha dichiarato il primo cittadino.

I premiati ad oggi sono stati: Vittorio Pirlo(2000); Angelo Gasparotti, Francesco Dolfo,TeresaCruciani Foffa e Tullio Foffa (2001); suor Assunta Corti (2002);  monsignor Paolo Zanetti(2003); Aldo Caffi (2004); Gianfranco Rodella (2005); Luciano Silveri (2006);  Costante Beletti (2007); mons. Francesco Andreis (2008); Mario Viganò (2009); Carlo Baroni (2010); Gerardo Chimini (2013); Enrico Maria Corsini (2014);  Attilio Forgioli (2015); Paola Rebusco (2016); Dino Comini (2017) e Angiolino Aime (2018).

TORNA ALLA HOMEPAGE