Per scacciare i piccioni da Iseo arrivano falchi e poiane. L’intervento sta già dando i suoi frutti: i rapaci fanno scappare i piccioni dal centro storico.

Per scacciare i piccioni da Iseo arrivano a falchi

Non se li mangiano e non li uccidono. I falchi li fanno scappare e li dissuadono a tornare. Contro il problema dei piccioni nel centro storico di Iseo (e del loro guano) sono arrivati i falchi e le poiane. Il progetto di bird control del Comune è avviato da dicembre e grazie a Giovanni Patti e a Giovanni Casati il cinquanta per cento dei fastidiosi volatili che invadevano i vicoli e le piazze del centro sono stati debellati.

Anche a Desenzano era stata effettuata la stessa operazione con i falchi.

Dinamica predatore-preda

I piccioni, nel vedere i falchi e le poiane, scappano in men che non si dica. E dopo tre o quattro interventi si abituano a non tornare dove avevano nidificato o sui cornicioni abituali perché impauriti dai rapaci, loro predatori per natura. I falchi e le poiane utilizzati dai falconieri sono addestrati e volano sul centro di Iseo per allontanare i piccioni che, nel sentire arrivare il loro predatore, scappano. Non è un’operazione di breve respiro, ma entro maggio il problema piccioni dovrebbe essere risolto. Al momento gli interventi dei falconieri sono due alla settimana.

Leggi anche:  Auto finisce fuori strada a Capriolo: allertati anche i Vigili del fuoco

TORNA ALLA HOME PAGE