Due partite di basket rinviate per motivi sanitari. In un periodo di grande apprensione per i casi di infezioni da Meningococco C verificatisi nel Basso Sebino, un altro batterio, il Bacillo di Koch, è stato fonte di preoccupazione per la società Pallacanestro Rovato. A un ragazzo della squadra è stata infatti diagnosticata la tubercolosi e ciò ha innescato degli accertamenti anche per i compagni.

Partite di basket sospese

Il rinvio delle partite del girone di Promozione (contro Coccaglio e Castelcovati) è stato comunicato dalla società Pallacanestro Rovato. Una scelta fatta dai dirigenti per tutelare sia i 16 ragazzi della squadra rovatese, che sono già stati sottoposti a tampone, che gli alteti avversari. I primi risultati dei test effettuati sono negativi, ma all’appello ne mancano ancora alcuni.

Situazione sotto controllo

Il giovane atleta colpito da tubercolosi è stato sottoposto a una massiccia cura antibiotica. E’ a casa e le sue condizioni, in base a quanto riportato dai dirigenti della società, sono buone. I sintomi si sono manifestati prima di Natale, ma il ragazzo potrebbe aver contratto il batterio tempo fa (la malattia può restare latente per anni) e non è escluso che il contagio possa essere avvenuto fuori dall’Italia.

Leggi anche:  Rivoluzione nel basket trenzanese, Fraccalini sarà coach

TORNA ALLA HOME PAGE