Omaggio a Nino Piccinelli nelle celebrazioni del 4 novembre partite dalla Microeditoria. E’ intervenuto anche il sindaco dei ragazzi.

Omaggio a Nino Piccinelli nelle celebrazioni del 4 Novembre

Dopo il momento solenne vissuto ieri sera in contemporanea con tutta Italia, questa mattina anche a Chiari sono proseguite le celebrazioni del 4 Novembre. Insieme ai momenti ufficiali, alla Messa e alla deposizione della corona ai Caduti a seguito del corteo, c’è però stato un momento particolare, in Villa Mazzotti, in occasione della rassegna della Microeditoria.

Autorità civili e militari, tutte le associazioni combattentistiche e d’Arma, si sono posizionate davanti alla scalinata della Villa. Ad aprire l’evento è stata la direttrice artistica della rassegna, Daniela Mena, mentre a tracciare il profilo di Nino Piccinelli, storico compositore clarense, è stato l’alpino Renato Baresi che ha letto alla platea uno scritto di Guerino Lorini. In seguito è intervenuto anche il sindaco del ragazzi, Francesco Lorenzi, con una riflessione sulla Guerra. “Viva l’Italia”, ha poi urlato forte in conclusione del suo discorso.

Nino Piccinelli

Quando si ascoltano le note di “Ta Pum”  il pensiero corre a quei soldati che presidiavano le trincee spesso nel fango dentro il quale vivevano, dormivano e morivano. La canzone è stata scritta da Nino Piccinelli, noto compositore nato a Chiari il 3 dicembre 1898 e morto a Roma  il 14 ottobre 1984. Piccinelli, musicista e direttore d’orchestra, autore di numerose liriche e oltre mille canzoni interpretate da cantanti famosi, è famoso in tutto il mondo. Ha composto per Luciano Tajoli, Franco Corelli, Beniamino Gigli ed è stato ideatore di colonne sonore per film interpretati da attori  importanti come Alberto Sordi, Wanda Osiris, Rossano Brazzi e Dino De Laurentis. Sua è anche la celebre opera Maria Goretti trasmessa nel 1982 da Corinaldo in Prima Mondiale assoluta a reti unificate (Rai e Radio Vaticana).

Leggi anche:  Inaugurata la nuova sede di Bagnolo soccorso e Ats

In questo importante centenario “Ta pum” non poteva proprio mancare ed è stata infatti interpretata dalla banda. La manifestazione è poi proseguita secondo il programma di rito.

TORNA ALLA HOME PAGE PER LE ALTRE NOTIZIE DI OGGI