Nuovi arresti ai Cinque Continenti di Castiglione delle Stiviere dopo la retata di un mese fa a danno di spacciatori che hanno ignorato l’ordine dei Carabinieri

Nuovi arresti

A poco più di un mese dalla maxi retata contro la gang dello spaccio del quartiere “Cinque Continenti”, nel corso della quale i Carabinieri della Compagnia di Castiglione delle Stiviere avevano dato esecuzione a 17 misure cautelari di divieto di dimora nelle province di Mantova e Brescia, emesse dal GIP del Tribunale di Mantova e all’arresto in flagranza di un magrebino in quanto trovato in possesso di oltre un chilo di hashish  e di 20 grammi di cocaina,  il bilancio dell’operazione è stato ulteriormente incrementato con l’esecuzione di 7 ordinanze di misure cautelari in carcere, emesse nei confronti di altrettanti soggetti, tutti inosservanti del divieto di dimora a cui erano stati sottoposti e formalmente informati.

I militari del Nucleo operativo e Radiomobile di Castiglione d/S non hanno abbassato la guardia e infatti, dopo aver accertato che 9 dei 17 componenti della “Gang dello spaccio” ancora frequentavano abitualmente il quartiere incuranti del provvedimento ricevuto, hanno immediatamente provveduto ad informare il Procuratore della Repubblica di Mantova – Dr.ssa E. Fasolato ed il Sost. Procuratore G. Tamburini che, con grande solerzia, inoltravano ed ottenevano  dal GIP del Tribunale di Mantova – Dr. M. Grimaldi – un aggravamento della misura con l’emissione di 9 Ordini di custodia cautelare in carcere.

Leggi anche:  Chiari in lutto per la scomparsa di don Camillo Giordani

Così, già pochi giorni dopo la retata del 27 marzo scorso e poi nei giorni seguenti, i militari hanno dato la caccia ai soggetti che non avevano ottemperato al divieto di dimora riuscendo così a dare esecuzione a 7 delle 9 Ordinanze di custodia cautelare in carcere emesse nei confronti di altrettanti soggetti, rei di non aver ottemperato alla misura cautelare del divieto di dimora nelle province di Mantova e Brescia all’epoca regolarmente notificate, in quanto responsabili, in concorso, del reato di spaccio di sostanze stupefacenti.

TORNA ALLA HOME PAGE