Il neosenatore leghista Simone Pillon dai social si è scagliato contro “la stregoneria nelle scuole” dopo una lezione alla scuola primaria di Mocasina una frazione del comune di Calvagese della Riviera, nell’area del Garda.

Contro la stregoneria nelle scuole

Il neoeletto senatore, fondatore del Family Day, ha espresso su Facebook il suo sdegno contro la “stregoneria imposta dopo il gender” e ha preannunciato: “Appena insediato farò una interrogazione parlamentare su questa vergognosa vicenda, perché è la Costituzione a garantire il diritto dei genitori, e solo dei genitori, a educare i propri figli”.

Nello stesso post Pillon, eletto in Brianza, ha sottolineato: “Nelle scuole della mia Brescia, dopo il Gender, sono arrivati a imporre la stregoneria, ovviamente all’insaputa dei genitori”.

Ma erano fiabe

La scuola si è giustificata in modo chiaro affermando che si trattava di un progetto dedicato alle fiabe e alle leggende da tutto il mondo.

Interrogazione parlamentare

Resta da capire se l’interrogazione verrà effettivamente presentata dopo l’insediamento ufficiale del prossimo venerdì 23 marzo, e se solleverà lo stesso polverone che lo scorso anno fece il gender.

Leggi anche:  Ranitidina, farmaci ritirati per rischio cancro: si aggiunge anche Buscopan Antiacido