Byebye 2019, (quasi) benvenuto 2020. E’ tempo di bilancio anche per il clima e non è in positivo. Nell’anno della grande mobilitazione giovanile guidata da Greta Thunberg per salvare il pianeta, il bilancio stilato da Legambiente parla di un anno critico sul fronte dei cambiamenti, anche per l’Italia.

Bilancio per il clima negativo

Due le parole chiave: più eventi estremi e più caldo. L’Italia anche quest’anno è stata segnata da nubifragi, siccità, ondate di calore sempre più forti e prolungate, fenomeni meteorologici estremi dovuti ai cambiamenti climatici.


Sono 157 quelli che vengono definiti eventi estremi che si sono verificati quest’anno in Italia e in cui hanno perso la vita 42 persone.

I 2019 è stato caratterizzato da 85 casi di allagamento da piogge intense, 54 i casi di danni da trombe d’aria e 16 da esondazioni fluviali, in aumento rispetto al 2018 che aveva già registrato 32 vittime e 148 eventi estremi.

LEGGI ANCHE:

Maltempo: caduta massi sulla 45bis

Maltempo: crolla il tetto dell’hotel Aquila a Sulzano

La tempesta flagella ancora la Bassa VIDEO

Tempesta e grandine sul Bresciano: caduti molti alberi

Uno degli anni più caldi della storia

Oltre i fenomeni meteorologici estremi 2019 per il forte caldo: l’anno che stiamo per lasciarci alle spalle è stato uno dei più caldi della storia. Il mese di luglio secondo l’agenzia americana per oceani e atmosfera è stato il mese più caldo mai registrato al mondo negli ultimi 140 anni.

Leggi anche:  A che punto sono i lavori al depuratore di Paratico? Ecco la situazione

Per il WWF da sottolineare anche sempre livello globale la portata enorme degli incendi in Amazzonia.

Greta e la mobilitazione dei giovani di tutto il mondo

Per la prima volta gli allarmi degli scienziati sono stati accompagnati da un’imponente mobilitazione civile trainata dai giovani di tutto il mondo.

LEGGI ANCHE:

Friday for future contro Black friday: è lotta friday-cida LA MAPPA DELLE PIAZZE

Walk for future: gli studenti del Battisti di Salò in marcia per l’ambiente

La Greta bresciana conquista la platea di Legambiente

L’Istituto Dante Alighieri di Calcinato si mobilita per il Global Strike for Future

Legambiente: non tutto è perduto

Sono le considerazioni del bilancio ambientale del 2019. WWF Italia osserva come le resistenze istituzionali siano ancora piuttosto forti come dimostra l’esito deludente della Coop 25 sui cambiamenti climatici da poco conclusa Madrid, per questo arrivano dalle associazioni inviti al Governo affinché con il nuovo anno siano messe in campo azioni concrete per il clima a partire dal piano nazionale di adattamento ai cambiamenti climatici di cui l’Italia è ancora sprovvista.

Eppure, per la Lombardia, un dato positivo, sempre secondo Legambiente, c’è, almeno per quanto riguarda la qualità dell’aria.

LEGGI ANCHE:

Smog in Lombardia: per Legambiente il 2019 è l’anno migliore di sempre I DATI

Allarme smog, polmoni sempre più a rischio