Tarcisio Archetti, il “maresciallo” come viene chiamato a Castegnato e dintorni, mercoledì prossimo 29 maggio, verrà insignito in Prefettura dell’onorificenza di Cavaliere dell’Ordine “Al Merito della Repubblica Italiana”.

L’ex maresciallo Archetti Cavaliere della Repubblica

La comunicazione ufficiale, inattesa data l’umiltà che contraddistingue da sempre ogni suo agire, gli è stata recapitata a firma del Prefetto di Brescia Attilio Visconti. L’onorificenza è stata proposta dal sindaco Gianluca Cominassi, che hasottolineato lo spiccato senso delle istituzioni, la costante collaborazione con l’Amministrazione comunale e le realtà parrocchiali. Ha scritto di una persona generosa, disponibile… per la quale è stato richiesto un riconoscimento personale come fedele servitore dello Stato. Archetti è nato a Castegnato il 26 gennaio 1947 da una famigliari agricoltori e ha iniziato il suo lungo percorso nell’Arma dei Carabinieri con il servizio di leva nell’aprile 1967. Ha frequentato la Scuola Allievi Sottufficiali a Firenze arrivando quinto di 1300, conquistando una medaglia d’oro e un Diploma di lode.

Tantissime le esperienze

Le esperienze successive l’hanno visto a Santo Stefano di Cadore, nel Nucleo Investigativo Carabinieri di Belluno, al comando del Nucleo Radiomobile di Cortina d’Ampezzo e successivamente comandante della stazione Carabinieri della cittadina. Nel 1978 è diventato responsabile della Sezione Operativa della Legione Carabinieri di Brescia. Il matrimonio nel 1989, dal quale ha una figlia: Beatrice.

Leggi anche:  Forza Italia Montichiari: nessun imbarazzo tra il nostro partito e quello leghista

Il congedo e la nuova vita

Nel 2002 è stato congedato come Maresciallo Aiutante sostituto Ufficiale di Pubblica Sicurezza (M.A.u.U.P.S.) e subito ha iniziato un’altra vita. Ora è diventato presidente dell’Associazione Carabinieri di Ospitaletto (Castegnato e Paderno) ha svolto volontariato in oratorio, è parte attiva del Consiglio Pastorale e del Comitato di San Vitale, il patrono del paese. Ha creato il  Piedibus, fa parte del coro parrocchiale e svolge, ancora oggi, servizio di supporto alla parrocchia sia durante le cerimonie religiose, sia per la parte documentale. E’ ancora oggi il “grande cerimoniere” in tutte le manifestazioni che si svolgono in paese. Il suo più recente risultato è stato la ristrutturazione del casello della Brescia Iseo Edolo vicino alla stazione di Castegnato, che ha trasformato nella sede della Associazione Carabinieri. E non è certamente finita qui.

TORNA ALLA HOME