Lega nord e Uniti per Castegnato sono scesi in piazza per sostenere la campagna “Stop cibo falso” di Coldiretti.

Lega nord in piazza a Castegnato per sostenere Coldiretti

Tutelare l’economia, difendere la nostra agricoltura e fermare le speculazioni sul cibo. Questo lo scopo della campagna “Stop cibo falso” di Coldiretti. Un grido che invoca l’obbligo di indicare la provenienza dei prodotti che finiscono sulle tavole degli italiani. Da qui la decisione della Lega Nord locale e dal gruppo Uniti per Castegnato di promuovere una raccolta firme. Stamattina, infatti, i membri del partito sono scesi in piazza a sostegno della campagna Coldiretti.

Continua l’impegno del gruppo

“Continua il nostro impegno nel raccogliere le firme a favore della petizione promossa da Coldiretti, alla quale abbiamo aderito in quanto finalizzata alla tutela e alla valorizzazione dei prodotti locali e nazionali” Queste le parole del capogruppo dell’opposizione castegnatese Davide Felice. “Questa iniziativa si aggiunge alla mozione sulla contrarietà alla ratifica del Ceta (accordo di libero scambio Italia-Canada) presentata in un precedente Consiglio Comunale e approvata. Coinvolgeremo anche all’Amministrazione Comunale, come fatto per il Ceta, ai fini dell’adesione di questa petizione della Coldiretti”.