Ladri di Carrozzelle, questo il nome della band romana che ieri (venerdì 12 aprile) ha fatto tappa a Salò in un doppio appuntamento. Al mattino si è tenuto lo spettacolo riservato agli studenti dell’istituto Cesare Battisti e alla sera per la cittadinanza. Entrambi gli spettacoli si sono svolti all’auditorium Paolo Ceccato in via Bezzecca.

L’evento

L’evento è stato organizzato dalla Fondazione di partecipazione Stefylandia Onlus presieduta da Liliana Foffa in collaborazione con la biblioteca di Salò e Cooperativa La Sorgente di Montichiari ed il patrocinio dell’assessorato alla cultura e pubblica istruzione. Nel corso della mattinata, inoltre, l’istituto Cesare Battisti è stato nominato membro onorario della Fondazione. Presente il presidente della biblioteca Marcello Cobelli che ha portato il saluto dell’amministrazione.

La Storia

Estate 1989 in vacanza in un villaggio turistico alcuni ragazzi scoprono la comune passione per la musica e tornati a Roma decidono di dare vita ad un gruppo musicale. La formazione iniziale presenta alcune particolarità: quasi tutti i fondatori sono persone con disabilità ma questo non impedisce ai musicisti di provare ad inseguire un sogno: diventare una rock band.
Nel corso degli anni la formazione cambia a causa dell’aggravarsi della patologia dei fondatori e si arricchisce di nuovi “ladri”e al momento esistono diverse formazioni che scendono in campo a seconda dell’impegno richiesto ( scuole, teatri, piazze).

Leggi anche:  Premiati a Montirone gli studenti meritevoli

I “ladri” sono l’espressione di un vasto piano la cui attività principale è quella concertistica, ma si estende e sconfina in attività collaterali, rientranti in un unico, ambizioso progetto: la diffusione di un immagine nuova e insolita delle diverse abilità, attraverso la musica. Le parole chiave che guidano da sempre i ladri di carrozzelle sono leggerezza, ottimismo e buon umore condite da tanto impegno e autoironia.

Attualmente i ladri di carrozzelle sono un’attività laboratoriale della Cooperativa Arcobaleno di Frascati che coinvolge una ventina di persone con disabilità, numero in costante aumento, come quello dei volontari che li accompagnano ed assistono nelle loro necessità. L’apertura a ogni forma di disabilità ha portato una sterzata nello stile musicale dei ladri creando un loro genere originale: la musica Sbrock, dove la follia e l’allegria della band si esprime pienamente.

TORNA ALLA HOMEPAGE