Trentuno le opere in mostra di pittori provenienti dalle provincie di Brescia, Milano, Verona, Cremona e Lodi, che espongono la  loro visione personale dell’acqua.

Loro sono: Ermanno Peviani, Cornelia Calzavacca Franzini, Giuseppe Zumbolo, Giorgio Denti, Roberto Dellanoce, Guido Nolli, Stefano Cozzaglio, Maria Camilla Rita Rap, Antonietta Giannetta, Vittorio Politi, Marina Venturi, Annunciata Cusumano, Marinella Ferrero, Giovanni Conti, Sandro Barbati, Attilio Azimonti, Giuseppe Torresani, Marco Sudati, Federica Zanetti, Mirella Valenti, Lucia Frappa, Bruno Premoli, Marco Sudati, Luigi Onofri, Marcella Delicati, Manuela Sidari, Franca De Ponti, Francesco Merzoni, Annalisa Fontana, Antonella Agnello, Mariangela Milan, Sara Speri e Beppe Verani.

Inaugurazione

“L’acqua: dal Po al Mediterraneo e oltre” il nome della collettiva inaugurata ieri sera nella Chiesa delle Dimesse di Quinzano d’Oglio, che fa da cornice perfetta per la contemplazione dei dipinti.

Una varietà di suggestioni quelle proposte dai trentuno artisti, che spaziano tra compostezze tonali a colori vividi, sulla linea di confine tra l’astratto e il reale. Dipinti che ci raccontano di contemplazione, della metafora del viaggio, del simbolo di purezza, dello specchio dell’anima e dell’abbraccio materno che l’acqua evoca.

Leggi anche:  Emergenza sfratti: domani il picchetto a Montichiari

Numerose le tecniche utilizzate, da quelle più tradizionali, come l’olio, l’acquerello, la grafite, l’acrilico e la tempera, ad altre più “contemporanee”, fino a tecniche miste, talvolta completate o strutturate con materiali di recupero.

” Goethe ha scritto che all’acqua assomiglia l’anima dell’uomo, all’acqua che dal cielo viene e al cielo risale, all’acqua che, eternamente mutando, alla terra deve restituirsi. Viene da chiedersi se questa riflessione possa essere in qualche modo riscontrata nelle rappresentazioni iconiche in cui compare questo elemento e che si riflettono in mostra”, ha sottolineato Simone Fappanni curatore della mostra.

Apertura

La mostra resterà aperta fino al 30 settembre. Gli orari di apertura sono: sabato e domenica dalle 10.00 alle 12.00, dalle 17.00 alle 19.00, eccezionalmente sabato 22 dalle 20.30 alle 23.00