Grazie all’invito del Presidente della Fondazione Vittoriale degli Italiani Giordano Bruno Guerri, l’Orchestra Gasparo Bertolotti di Salò sabato 20 settembre ha avuto l’onore di esibirsi in questo luogo ricco di storia e di fascino, in occasione dell’evento «Di porpora così fulgida», in cui è stata presentata una nuova tipologia di rosa ispirata al grande d’Annunzio.

Dopo l’esibizione della Banda di Rosolina, l’ensemble salodiana ha avuto così modo di condurre gli ospiti in culture e ritmi affascinanti e spesso sconosciuti, seguendo il fil rouge della stagione estiva, che il maestro  Stefano Giacomelli ha scelto di dedicare alle «danze dalla strada».

Un’estate ricca di successi

Si è chiusa così un’estate ricca di eventi e grandi soddisfazioni, all’insegna di tradizione e novità, caratteristiche fondanti per l’Associazione «Banda Cittadina di Salò».
È probabilmente questa, sotto diversi punti di vista, la combinazione vincente che permette all’attività musicale e culturale di proseguire da più di 200 anni: avvicinare i giovani ai meno giovani, poter affiancare esperienze nuove e portatrici di rinnovato entusiasmo ad altre che sono oramai tradizione, guardare avanti tenendosi però ben saldi a ciò che in questi due secoli di storia è stato costruito.
È questa la strada che il neo presidente Emiliana Ravera e il nuovo consiglio direttivo hanno deciso di seguire supportati dall’impegno ed entusiasmo di tutti i musicisti, gli allievi, gli insegnanti, i volontari e i soci.

Leggi anche:  A Giovanni Ciolina il premio Gasparo da Salò

L’Associazione ora proseguirà la sua attività: l’Orchestra sarà impegnata nella serie di concerti invernali, a cominciare dalla serata del 3 novembre in Duomo in onore del Santo Patrono; la Scuola di Musica invece riprenderà i corsi a partire dal 30 settembre e il 19 ottobre celebrerà i dieci anni dalla fondazione di una delle due ensemble giovanili, la Junior Band, con un concerto  all’Auditorium P. Ceccato.

TORNA ALLA HOMEPAGE