La “copertura” della Vallosa non convince: Legambiente diffida il sindaco di Passirano e il commissario del Sin Caffaro dall’eseguire i lavori.

La “copertura” della Vallosa non convince: diffidato il sindaco

La messa in sicurezza dell’ex cava Vallosa attraverso il capping, ovvero la copertura finale del corpo della discarica che faceva riferimento al Sin Caffaro e la realizzazione di un sistema di raccolta e gestione delle acque meteoriche che ruscellano su tale copertura, continua a non convincere né Legambiente né il gruppo di opposizione de l’Alternativa per Passirano, Camignone e Monterotondo. Il circolo Franciacorta ha diffidato il sindaco Francesco Pasini Inverardi e il commissario del Sin Caffaro dall’effettuare i lavori finanziati dal Ministero con 2 milioni di euro. Il gruppo di opposizione de l’Alternativa per Passirano, Camignone e Monterotondo ha inviato una lettera ai Comuni di Cazzago e Ospitaletto chiedendo l’intervento dei sindaci sulla questione, cercando di incentivare la bonifica totale della discarica. Ma il sindaco di Passirano ha ribadito come, per bonificare l’intera area, servano circa 70 milioni di euro. Quindi al momento, con i due milioni previsti, si continua con la messa in sicurezza, che dovrebbe iniziare l’autunno prossimo. Il servizio completo sul numero di Chiariweek in edicola oggi, venerdì 1 novembre.

Leggi anche:  Verona-Treviglio-Milano tra le peggiori in Lombardia, a dicembre bonus per i pendolari

TORNA ALLA HOME PAGE