«Il tuo nome nella storia della Canottieri…per sempre», questo il titolo della campagna di raccolta fondi a cui  la società salodiana ha dato vita e che si è conclusa con successo il 31 dicembre 2018.

 Un’occasione di condivisione

Con l’acquisto della sede sociale, la Canottieri Garda ha finalmente realizzato uno dei suoi sogni, forse il più significativo, e per questo motivo ha voluto condividerlo con tutti i soci e la comunità.

La campagna raccolta fondi «Il tuo nome nella storia della Canottieri … per sempre» è stata infatti un’occasione unica, grazie alla quale per la prima volta, tutti hanno avuto la possibilità di lasciare il proprio ricordo nella storia della Canottieri.

A questa campagna hanno risposto non solo coloro che oggi la frequentano, ma anche ex atleti o ex soci, che in qualche modo sono rimasti legati e ne conservano tuttora un buon ricordo; mentre in molti hanno pensato di dedicare stelle a chi non c’è più o a chi è appena nato.

In primavera l’inizio dei lavori che termineranno entro l’estate

La serie di linee che segnerà il nuovo ingresso della sede sociale rappresenterà così una sorta di filo conduttore tra diverse generazioni, unendo passato, presente e futuro.  Allo stesso modo, l’alternanza dei nuovi materiali che verranno utilizzati con quelli già esistenti intende evidenziare questa continuità, che da oltre un secolo distingue lo spirito della Canottieri Garda. All’inizio della primavera inizieranno i lavori, il termine dei quali è previsto entro l’estate.

Leggi anche:  Chiari in Fiore: la Pro Loco lancia il concorso per colorare la città

Il Presidente Marco Maroni così commenta:

«Ringrazio tutti coloro che hanno condiviso questa iniziativa, non solo le persone private, ma anche le diverse aziende, circoli ed enti, in particolare il Comune di Salò. Ci riteniamo soddisfatti del risultato ottenuto, specialmente perché chi ha aderito ha compreso e sposato lo spirito della nostra iniziativa. Hanno scelto di imprimere il loro nome nella nostra storia, perché in questa storia ci credono. Questo concetto per noi non può che essere la migliore fonte di incoraggiamento a fare in modo che duri il più a lungo possibile».

TORNA ALLA HOMEPAGE