Il Salo’tto della Cultura ha festeggiato oggi (sabato) il suo primo anno di attività, a dodici mesi (meno un giorno) dall’inaugurazione ufficiale avvenuta il 15 dicembre 2018. Presenti il presidente della biblioteca Marcello Cobelli, il vice sindaco Federico Bana. A fare gli auguri al Salo’tto della Cultura anche Alberto Fortis grande amico della biblioteca di Salò.

La soddisfazione del presidente

Nel corso del pomeriggio ad allietare i presenti i «Domini del Duomo di Salò» coro di bambini diretti dal maestro Lidia Giussani. Intervenuti a sorpresa anche i ragazzi della banda «Gasparo Bertolotti» per gli auguri. Non è mancato il taglio della torta e un video nel quale sono state ripercorse le tappe più importanti di questi 365 giorni.

«Come avevamo previsto, sin dai primi giorni di apertura della nuova sede della biblioteca nel Salòtto della cultura, abbiamo registrato un grande afflusso di utenti, ma quello che ci ha veramente sorpreso è stato il grande numero di ragazzi che approfittavano degli spazi messi a disposizione, per studiare, da soli e in gruppo – ha dichiarato Cobelli – Questo ci deve far riflettere sul bisogno che hanno i giovani di spazi per potersi incontrare a svolgere attività di studio e di confronto e questa è un’esigenza non solo degli studenti salodiani, ma anche dei giovani dei  Comuni limitrofi, di cui si deve tenere conto e che fa della nostra biblioteca una realtà attrattiva dell’intero comprensorio gardesano».

Ad un anno dall’inaugurazione della nuova sede della biblioteca nel Salo’tto della cultura ed in prossimità dell’elezione della nuova Commissione Biblioteca, comunico alcuni dati dell’andamento dei prestiti e degli utenti che ci lasciano particolarmente soddisfatti:

Cinque anni fa, al momento dell’insediamento della commissione biblioteca, gli utenti erano 2.301 e i prestiti 8.554, oggi gli utenti registrati sono 4.386 ed i prestiti hanno superato i 31.000 (più d 100 prestiti al giorno). Nell’ultimo anno, da giorno dell’inaugurazione della nuova sede, il 15 dicembre 2018, i prestiti sono passati da 20.500 a 31.000 (+50%) ed abbiamo avuto 672 nuovi utenti registrati, che sono passati da 3.714 a 4.386.

Leggi anche:  La preistoria di Salò: se ne è parlato al Salo'tto della Cultura

Tra le attività più importanti ed «innovative» rispetto alle classiche attività bibliotecarie di prestito libri ed incontri con gli autori, negli ultimi 5 anni abbiamo proposto il cinema all’aperto, la «Notte della poesia» in riva al lago, la «Notte in biblioteca» per i bambini che hanno passato la notte nell’auditorium  con varie attività, sono state installate 6 casette «libera libri» in altrettanti punti della città,  la promozione del concorso di letteratura e poesia per ragazzi dal titolo «Raccontami la bellezza», è stato ospitato, tra gli altri l’artista Alberto Fortis che ha ripercorso i suoi 40 anni di carriera in un pomeriggio estivo ricco di emozioni, oltre a corsi e attività di promozione alla lettura in collaborazione con le scuole.

Grazie all’impegno dell’amministrazione comunale e delle bibliotecarie Antonia ed Anna, la biblioteca è aperta 49 ore settimanali, una presenza davvero importante che poche biblioteche riescono a garantire, concentrandoci anche su orari di apertura durante la pausa pranzo ed in orario serale (giovedì fino alle 22) oltre all’apertura del sabato dalle 9 alle 18 con orario continuato, per cercare di accontentare il maggior numero di utenti.

Salo’tto della Cultura…flashback

Il primo utente a varcare la soglia della rinnovata biblioteca fu stato Giuseppe Seccamani il 12 dicembre 2018:ad accoglierlo le bibliotecarie Antonia Cerutti e Patrizia Perna e il presidente Marcello Cobelli che lo ha simbolicamente premiato con un libro.

Il «Salo’tto della cultura» è stato  inaugurato ufficialmente tre giorni dopo: esso ospita, oltre alla biblioteca, gli archivi della Magnifica Patria e del Comune, l’Ateneo, il Centro studi Rsi, con spazi per i giovani di Salò e dei comuni limitrofi, in linea con la vocazione comprensoriale della città.

TORNA ALLA HOMEPAGE