Il Comune di Chiari premia due storiche botteghe. Cinquant’anni di attività per la parrucchiera Anna Turotti e quaranta per il calzolaio Luigi Zerbini.

Il Comune di Chiari premia due storiche botteghe

Due storiche realtà clarensi, testimoni dell’operosità e della capacità imprenditoriale e commerciale della comunità. Due anniversari di eccellenza che l’Amministrazione ha deciso di riconoscere pubblicamente come esempio del protagonismo e della tenacia (nonostante le avversità) delle attività del Centro storico cittadino. È con questa motivazione che il Comune, -nella figura di Domenico Codoni, assessore alle Politiche per le Attività produttive e promotore dell’iniziativa, ha deciso di celebrare l’impegno e i traguardi di Anna Turotti e Luigi Zerbini, rispettivamente acconciatrice e commerciante. La cerimonia si è tenuta in Municipio nel pomeriggio di lunedì 10 dicembre.

L’attività di parrucchiera per signora della signora Anna Turotti è iniziata nel laboratorio di via Matteotti 23: era il 28 dicembre 1967. La ricorrenza dei 50 anni di attività è stata lo scorso anno e l’occasione aveva stimolato l’Amministrazione comunale ad istituire un momento istituzionale per festeggiare questi importanti traguardi. Quattro decenni, invece, sono quelli dell’attività di Luigi Zerbini, che proprio nel 2018 celebra il quarantennale dal rilascio dell’autorizzazione amministrativa per il commercio di calzature, quale subentrante nell’esercizio di vendita già intestato alla madre Carolina Capirola. Un vero artigiano, come oggi non ce ne sono quasi più, capace per così tanti anni di proseguire quanto iniziato dai genitori: un lavoro da calzolaio che lui stesso, come ama dire, “fa da tutta la vita!”.

Leggi anche:  Chiariweek è in edicola!

TORNA ALLA HOMEPAGE