Attualità regionale15 Gennaio 2020

Volantino sul treno contro il “traditore” era una (riuscitissima) trovata pubblicitaria

Per il lancio del nuovo disco ("Biondologia") della trasgressiva cantante romana Romina Falconi.

Il traditore della Milano-Mortara? Solo una trovata pubblicitaria per il lancio del nuovo disco della cantante romana Romina Falconi.

Volantino contro il “traditore” della Milano-Mortara

Lui la tradisce spezzandole il cuore, lei consuma la sua vendetta su un treno della Milano-Mortara. Singolare sorpresa per i pendolari  ieri che, salendo su un convoglio, lo hanno trovato letteralmente tappezzato di volantini con foto, nome e cognome del traditore e un messaggio che la tradita ha voluto rendere pubblico in modo eclatante:

“Sei un traditore e un farabutto, hai ignorato le mie lacrime ora ignora pure questo. Ringrazia che sono una signora…”.

LEGGI ANCHE>> Lui la tradisce, lei tappezza un treno della Milano-Mortara di volantini: “Farabutto”

Svelato il mistero

La vicenda è rimbalzata in breve tempo sui social e in tanti si saranno chiesti chi potesse essere l’autrice della “malefica vendetta”. Ed ecco che poche ore fa il mistero è stato risolto. Romina Falconi, trasgressiva cantante romana, ha condiviso un post nel quale svela che dietro al presunto traditore c’è una trovava pubblicitaria per il lancio del suo prossimo singolo dal titolo appunto “Ringrazia che sono una signora” tratto dall’album Biondologia uscito a marzo 2019.

Leggi anche:  Cent'anni e non sentirli: il traguardo di Rosina Tocchella

Ecco cosa si legge nel post:

“Mea Culpa, Vostro Onore,
sono io che ho creato tutto ‘sto casino.
La storia del traditore svergognato sul treno, il poster in metro e la macchina (rotta, da buttare) imbrattata con la scritta “Ringrazia che sono una Signora”.

Vostro Onore, il fatto è che tira più un pelo di vendetta che un carro d’amore.

E oggi, a mostrarsi veri e vulnerabili c’è da farsi male.
Il fatto, Vostro Onore, è che se dobbiamo sembrare tutti vincenti, buoni, intoccabili, ci perdiamo la parte più vera di noi, quella che mi piace di più.
Capirà che una come me allora perde in partenza.
E se sono strana nei modi e nei testi, allora sarò strana in tutto, perché in un mondo di finti supereroi io non ci voglio proprio stare.
E anche senza super poteri e con pochi mezzi, si può e si deve arrivare ovunque”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *