Grande festa oggi alla casa di Riposo di Asola per Luigi Zappavigna che ha spento 102 candeline. L’uomo è nato a Remedello e nella sua vita ha sempre fatto il fabbro.

Luigi Zappavigna

Tanti gli ospiti dell’edificio presenti, i collaboratori, l’amministrazione comunale di Remedello, Elisa Galoppini, il vicesindaco, e la consigliera regionale, Francesca Ceruti.

Luigi, conosciuto da tutti come Gino, è nato a Remedello Sotto, e faceva il maniscalco e fabbro. Era l’ultimogenito di una famiglia era composta da sei fratelli, tutte sorelle, lui era l’unico maschio.

L’articolo completo con la storia di Luigi sul numero di Montichiari week in edicola venerdì.

TORNA ALLA HOME