Forze armate ricordano il collega ucciso a Nassiriya. Nella ricorrenza del 14° anniversario dell’eccidio in Nassiriya, ieri mattina alle 10.30, nel cimitero comunale di Viadana è stato deposto un omaggio floreale sulla tomba del Sotto Tenente Filippo Merlino. L’allora comandante della stazione Carabinieri, è rimasto vittima, insieme ad altri commilitoni, nella strage di Nassiriya a seguito dell’attentato terroristico del 12 novembre 2003 durante la missione di pace “Antica Babilonia”.

La cerimonia

Alla cerimonia erano presenti i familiari della vittima – il figlio Fabio, i fratelli Immacolata e Giovanni –  il Prefetto di Mantova Carla Cincarilli, il Comandante Provinciale dei Carabinieri colonnello Fabio Federici. Il sindaco di Viadana Giovanni Cavatorta insieme ad una folta rappresentanza di militari della Compagnia Carabinieri di Viadana e dell’Associazione Nazionale Carabinieri.

Il prefetto

“Sono molto orgogliosa di partecipare a questo evento“  ha detto il Prefetto di Mantova “perché tutti noi abbiamo l’obbligo e il dovere di ricordare chi ha dato la vita per la nostra Patria. Ringrazio poi tutta l’Arma dei Carabinieri della Provincia per il supporto vista la mia prossima partenza verso un nuovo incarico in altra regione”.

Leggi anche:  Cittadinanza attiva, 940mila euro da Regione

Il comandante

“Ogni volta che viene suonato il “silenzio” in memoria dei Caduti” ha aggiunto il Colonnello Fabio Federici “scaturisce un momento importante di riflessione e di ricordo in favore di quanti hanno sacrificato la propria vita nonché, rispetto per il loro sacrificio, creando ulteriore stimolo per noi a lavorare sempre meglio per il bene della comunità”. Poi rivolgendosi al figlio del caduto “Fabio, è un esempio per tutti noi di forza e determinazione, il ricordo del padre è per lui e per tutti noi un incentivo a non mollare mai davanti a nessun ostacolo”. “Approfitto per salutare il Prefetto, e farle un grosso in bocca al lupo per il nuovo incarico. Lascerà a Mantova un profumo di attaccamento al lavoro, alle istituzioni e al bene della comunità, che non dimenticheremo”.