Da Ghedi a Ponte di Legno, Giovanni Bezzi ha 29 anni e di professione ha scelto di fare il pastore. Il suo è un gregge di 600 pecore, ma il lavoro non è semplice.

Da Ghedi a Ponte di Legno: a 29 anni guida un gregge

La pastorizia, una delle più antiche professioni esistenti, nell’immaginario comune è associata ad un uomo con capelli e barba lunga e bianca, che vive o proviene dalle montagne. Ma non è sempre così. Il ghedese Giovanni Bezzi, 29 anni, guida un gregge di 600 pecore.

“Spesso si pensa al pastore che sta in montagna, al fresco, all’aria aperta, spesso ci sono diversi stereotipi dietro la figura del pastore, dall’avvinazzato al ladro, ma non è così – ha spiegato – Questo lavoro non è semplice. Bisogna accettare il fatto di lavorare sette giorni su sette, senza orari, estate e inverno, con il sole, con la pioggia, la nebbia e con la neve, le pecore devo essere portate fuori”.

Leggi anche:  Almirante? Decisamente meglio don Murgioni

L’articolo completo in edicola con MontichiariWeek e GardaWeek da giovedì 15 agosto. 

TORNA ALLA HOME