Cosa dicono le cipolle? Non poteva mancare l’edizione 2019 di Beniamino Gozzini. Il clarense ha compiuto il rito necessario e stabilito l’intensità della pioggia.

Cosa dicono le cipolle?

Le cipolle sono buone da mangiare, ma se osservate ben bene sanno fare anche le previsioni. Da anni lo spiega Beniamino Gozzini, classe 1941, un contadino che seguendo un’antica tradizione medievale, ogni anno dal 1972, la sera del 24 gennaio, (notte di San Paolo) prepara il rito propiziatorio. Il clarense posiziona dodici mezze cipolle (come i mesi dell’anno) scavate sopra un’asse di legno e inserisce in ognuna del sale. Dopo una notte di riposo, il mattino seguente, dalla quantità di acqua depositata in ogni cipolla viene determinata la piovosità o meno per ogni mese dell’anno.

Come sarà il 2019?

Son piovosi aprile, giugno, settembre e ottobre, ma ad agosto si può andare in vacanza tranquilli. Per tutti i dettgli, e le previsioni complete, basta invece leggere l’articolo in edicola da domani, venerdì 1 febbraio, sul ChiariWeek.

Leggi anche:  Nuova illuminazione a Medole

Anche l’anno scorso Beniamino si era espresso, ecco il suo calendario.

TORNA ALLA HOMEPAGE