Chiesa gremita per l’ultimo saluto al centauro Fulvio Guerini, la cui vita si è spezzata sull’asfalto a Brescia nella notte fra giovedì e venerdì.

Chiesa gremita per l’ultimo saluto al centauro Guerini

motoA centinaia, grandi e piccoli, giovani e meno giovani, per dire addio all’amico “Fufi”, per salutare per l’ultima volta in centauro avvocato Fulvio Guerini. La chiesa di Pilzone d’Iseo era gramita questo pomeriggio, lunedì, in occasione delle esequie. Alcuni hanno perfino assistito alla Messa dal sagrato della chiesa dei Santi Pietro e Paolo. La salama, al termine della celebrazione, presieduta dal parroco don Giuliano Baronio, la salma è stata portata al cimitero della frazione iseana.

Tradito dalla sua Kawasaki

La moto non perdona e basta un attimo perché tutto si fermi. L’incidente è avvenuto nella notte fra venerdì e sabato all’altezza del cavalcavia Kennedy a Brescia. Guerini, 47 anni, ha perso la vita dopo essere caduto dalla sua Kawasaki. Era da poco passata la mezzanotte e mezza quando l’uomo, residente nella frazione di Pilzone, ha perso il controllo della moto mentre affrontava la rotonda ed è rovinato sull’asfalto, mentre il mezzo ha proseguito la corsa per alcuni metri. Purtroppo a nulla sono valsi i soccorsi: Guerini ha lasciato due figli, i familiari e i tanti amici e conoscenti che oggi l’hanno salutato per l’ultima volta.

Leggi anche:  Sotto sequestro due centri massaggi a luci rosse

TORNA ALLA HOME PAGE