Che fine hanno fatto gli alberi di piazza Mazzini a Iseo? Il gruppo consiliare di minoranza della lista civica Progetto Iseo, guidata da Pieranna Faita, ha convocato una conferenza stampa.

Che fine hanno fatto gli alberi di piazza Mazzini a Iseo?

Questa la domanda emersa durante il corso della conferenza stampa indetta dal gruppo consiliare di minoranza della lista civica Progetto Iseo, guidata da Pieranna Faita che, nel pomeriggio, ha voluto sollevare alcune criticità in merito alla riqualificazione e ai lavori della piazza. Nel progetto iniziale, stilato dall’Amministrazione Venchiarutti e inserito nell’ambito di “Iseo Medioevale” (finanziato al 50% con fondi della Regione) c’era la messa a dimor di prima quattro e poi (a seguito di un successivo passaggio) altri due alberi in piazza Mazzini. Come spiegato dalla Faita, l’intenzione era infatti quella di riportare la piazza alle origini, a quando era un antico brolo (giardino) dell’800. I lavori sono iniziati a fine giugno, con la nuova Amministrazione guidata dal sindaco Marco Ghitti, e a una settimana dall’inizio è stata approvata in Commissione paesaggio una variante al progetto che vedeva l’eliminazione delle due piante. Il cambiamento è stato poi inviato alla Soprintendenza in quanto essendo in un progetto di riqualificazione, era necessario il via libera.

Leggi anche:  Chiedono soldi fingendosi incaricati del Comune di Iseo

Il fatto e l’anomalia

“La norma prevede che una volta inviato il verbale, devono passare 45 giorni di attesa (più 15 per iniziare i lavori) per vedere se questa manda variazioni o con silenzio-assenzio approva la variante, invece il 45esimo giorno è proprio oggi e non è arrivato niente. Ma sta di fatto che i lavori sono in pratica quasi finiti. E gli alberi non ci sono. Non è dunque stata rispettata la tempisitica. Dunque, come mai questa fretta? E come mai la mancanza di rispetto dei tempi previsti dalla normativa?”, ha sottolineato la Faita.

TORNA ALLA HOME