“Da oggi non dovremo più comunicare i dati reltivi alla polmonite all’Ats”. Sono queste le parole utilizzate dalla dottoressa Paola Giansiracusa, direttore medico dell’Ospedale di Montichiari, durante un incontro pubblico avvenuto ieri sera in Sala Scalvini del Centro Fiera organizzato da Marco Togni della Lega per presentare la struttura ospedaliera della città.

Centro Fiera Montichiari: presentata la struttura ospedaliera della città

Dunque l’emergenza sembra scongiurata, restano in atto analisi biologiche per i cui risultati bisognerà attendere ancora.
“Il pronto soccorso di Montichiari nel periodo di maggior afflusso per i casi di polmonite ha retto comunque bene” ha aggiunto poi Enrico Ballarini, responsabile infermieristico della struttura. 188 i casi di polmonite accertati nel nosocomio monteclarense con un centinaio di ospedalizzazioni.

La questione parcheggi: tema caldo

Dall’agosto scorso il Comune di Montichiari non ha rinnovato la convenzione che prevedeva un controllo da parte della Polizia Locale e come risultato gli spazi che sono riservati a disabili e a pazienti in day hospital vengono utilizzati da chi non ne ha diritto. “Quella del parcheggio è una questione che ci sta particolarmente a cuore e stiamo cercando in ogni modo di risolverla – ha detto Rossana Gardoni, direttore amministrativo – Certo bisogna anche fare i conti con la maleducazione di alcuni cittadini che non rispettano le regole. Quando ci sono situazioni delicate facciamo intervenire i carabinieri potendo contare sulla gentilezza del maresciallo Bonfiglio ma ci rendiamo conto che con i pochi uomini che ha a disposizione non può certo farsi carico della situazione”.
Torna alla Home Page www.bresciasettegiorni.it