Due team di Protezione civile di Caravaggio e Bagnolo Mella (Bs) insieme per far fronte a un’emergenza idrogeologica (simulata).

Alluvione per finta a Caravaggio

E’ stata effettuata a Caravaggio, in località Vascarpine, sabato, una esercitazione da parte dell’Associazione Nazionale Carabinieri Nuclei di Protezione Civile facenti parte della Colonna Mobile Regionale dell’Anc, denominata Ragit 3. L’esercitazione congiunta tra le due province fa parte di un quadro di collaborazione tra i territori della Bassa Bresciana e Bergamasca nell’ambito dell’emergenza idrogeologica.

“Emergenze  non ammettono pressapochismo”

I volontari sono stati impegnati nell’addestramento per l’uso corretto delle attrezzature che riguardano tutte quelle situazioni che si possono creare durante una grave emergenza meteo-idrogeologica tra cui motoseghe, motopompe e automezzi, oltre agli strumenti per il verricellamento. Sul posto per i coordinamenti il maresciallo Mario Vicinelli, presidente del Nucleo di Caravaggio e Giuseppe Donini per il Nucleo di Bagnolo Mella.
“Le esercitazioni sono fondamentali per prepararsi a gestire in maniera adeguata ed efficace le emergenze che si presentano spesso senza preavviso” ha commentato il sindaco di Caravaggio Claudio Bolandrini. “Le criticità non ammettono improvvisazione e pressapochismo: ne va della sicurezza e della incolumità dei cittadini da soccorrere e degli stessi soccorritori. Colgo l’occasione per ringraziare a nome della comunità intera tutti i volontari del Gruppo di Protezione civile di Caravaggio e il presidente Vicinelli per la professionalità e lo spirito di servizio alla comunità caravaggina dimostrati in tutti gli interventi operati sul territorio”.

Leggi anche:  Don Gabriele lascia Bagnolo "Vi porterò per sempre nel mio cuore"

TORNA ALLA HOME