Cancellata la storica insegna del Bar Centrale realizzata dallo storico pittore e restauratore Gigi Casermieri: malcontento a Travagliato.

Cancellata la storica insegna del Bar Centrale: malcontento a Travagliato

Da venerdì serpeggia lo sdegno generale a Travagliato: i cittadini sono fortemente scossi per quanto accaduto.
Durante i lavori di ristrutturazione dell’edificio di proprietà del Comune, che ospita i locali della farmacia comunale e del Bar Centrale, l’insegna di quest’ultimo è stata rimossa dall’impresa di imbianchini commissionata dal sindaco Renato Pasinetti. Ma non si trattava di una comune targa, bensì di un’opera murale eseguita dall’artista Gigi Casermieri. Scomparso ormai 5 anni fa a causa di un cancro, il restauratore e pittore travagliatese era molto conosciuto e apprezzato per il suo contributo sul territorio.

L’insegna

Il lavoro gli fu commissionato dal precedente gestore che, nel 1995, decise di rappresentare il proprio locale con un vero e proprio pezzo di storia dell’arte. La scritta “Bar Centrale” dipinta a mano accompagnata dai caratteristici cavalli galoppanti.
A causa delle crepe e dei numerosi chiodi presenti sulla facciata, il sindaco aveva predisposto, in occasione dell’inaugurazione della farmacia della scorsa settimana, di stuccare la facciata. Le due realtà, infatti, sono confinanti e data la necessità di ripristinare un’adeguata estetica e funzionalità della parete, i lavori hanno avuto inizio. Senza però tenere conto della rilevanza, affettiva oltre che artistica, dell’insegna.

Leggi anche:  Chiariweek è in edicola!

Aspri i commenti

Il sindaco si è così dovuto scontrare con la delusione della vedova di Casermieri, Milena Scalvini, dell’attuale gestrice del locale e di molti cittadini, che hanno commentato con parole aspre la decisione.
“Si è trattato di un errore senza cognizione di causa – ha affermato il primo cittadino – Né io né il mio gruppo eravamo a conoscenza dell’autore del dipinto. Se l’avessimo saputo, avremmo certamente provveduto a tenerlo”.

Sono arrivate tempestive le scuse alla moglie, la quale, però, ha affermato: “Sento che è stato cancellato un pezzo di memoria, affettiva oltre che storica”.

Il vicesindaco Simona Tironi si è subito attivata con le Belle Arti di Santa Giulia per capire se sia possibile recuperare l’insegna,  oggi completamente coperta dallo stucco.

Il servizio completo sul Chiariweek in edicola oggi, venerdì.

TORNA ALLA HOME PAGE