Inaugurata la nuova lapide posta sulla facciata del municipio a ricordo dei militari gabianesi internati nei campi di concentramento.

Celebrato il 25 Aprile a Borgo San Giacomo

Grande partecipazione alla mattinata di festa in occasione del 74simo anniversario della Liberazione. Presenti tutte le autorità civili e militari,  i rappresentanti delle associazioni, i ragazzi della quinta elementare, insegnanti, e una folta platea di cittadini.  Il corteo partito dalla sede Combattenti e reduci e  accompagnato dalle note della Banda Santa Cecilia si è diretto in piazza Rimembranze per il  momento solenne della deposizione della corona di alloro per poi defluire di fronte al municipio per la deposizione della seconda alla lapide commemorativa dei partigiani aggiornata con nuova lapide a ricordo degli internati.

La manifestazione è poi proseguita con il discorso del primo cittadino Guseppe Lama, dei ragazzi del consiglio comunale dei ragazzi, del presidente dell’Anpi Andrea Andrico e della rappresentante dell’Anpi di Brescia FrancescaParmigiani.

“Oggi non è una giornata in cui una fazione politica prevale sull’altra ma la giornata in cui la democrazia prevale sulla dittatura . I nostri problemi di fronte alle tragedie della guerra sono meno importanti, di certo bisogna diventare più forti e seguire i deboli, ma soprattutto seguire la democrazia” le parole del primo cittadino Giuseppe Lama. 

Leggi anche:  Grande festa a Dello per l'ingresso di don Valerio

“ Le venti persone il cui nome è inciso su questa lapide seppero da che parte stare uniti contro chi soffocava ogni libertà per un’Italia libera e democratica. Con loro ricordiamo i 400 cittadini di Borgo San Giacomo che dovettero andare al fronte, tra loro i catturati , i deceduti sul fronte, i dispersi, gli sbandati, gli alleati. Oggi inauguriamo la nuova lapide e i due nuovi nomi Don Giovita Beschi parroco di Acqualunga dal 39 al 63 per aver collaborato contro il fascismo e aver sostenuto i partigiani della brigata Barnaba durante tutta la lotta di liberazione e Villaschi Luigi partigiano deceduto ad Acqualunga a 29 anni”- le parole di Andrea Andrico. 

Durante la celebrazione è stato consegnato un riconoscimento ai familiari di Villaschi Luigi, presenti per la commemorazione.

Prossimo appuntamento

Il prossimo appuntamento solenne è fissato sabato 27 aprile alle 10 con l’inaugurazione del Giardino dei Giusti in Piazza delle Rimembranze. Interverranno il Sindaco Giuseppe Lama, Rosangela Comini, assessore alla cultura di Bedizzole, Michele Scalvenzi assessore alla cultura di Orzinuovi, Andrea Andrico ricercatore Anpi e Aned, Don Roberto Ferrandi dir.Pastorale per la Mondialità e il consigliere regionale Gian Antonio Girelli.