L’assessore alle Politiche sociali, abitative e Disabilità della Regione Lombardia, Stefano Bolognini, ha incontrato la direzione strategica dell’Ats di Brescia con una rappresentanza dei sindaci e dei presidenti delle Assemblee distrettuali per fare una ricognizione dei bisogni e illustrare le misure attualmente disponibili.

Il punto della situazione

“Solo a Brescia – ha esordito Bolognini – il terzo settore conta su 614 organizzazioni di volontariato e 299 associazioni di promozione sociale, una realtà seconda solo a Milano. Nel bando dello scorso anno, nel bresciano abbiamo finanziato 9 progetti, di cui 3 interprovinciali che hanno coinvolto 25 associazioni e 12 organizzazioni, per un valore di 237.450 euro”. Bolognini ha inoltre annunciato che, entro aprile, sarà pubblicato il nuovo bando per il terzo settore.

Welfare abitativo

Nel solo biennio 2016-2018, sono state assegnate in provincia di Brescia 8.332.000 euro per il welfare abitativo, tra questi 5.281.748 euro per i contributi di solidarietà, e 10.831.294 euro (2016-2020) per la riqualificazione di 599 alloggi dell’Aler Brescia-Cremona-Mantova, di cui già 236 recuperati a febbraio 2019. Infine dei 33 laboratori di quartiere finanziati nel 2018 in Lombardia, uno di essi, “Un ponte sul blu, percorsi verso l’autonomia”, riguarda l’Ats di Brescia e il suo territorio ed è in corso di attuazione, con un contributo di 252.000 euro.

Parco giochi inclusivi

L’assessore ha ricordato anche le iniziative legate ai Parchi gioco inclusivi, grazie alle quali 16 comuni bresciani  hanno potuto beneficiare di contributi pari a 393.310 euro. I comuni interessati sono stati: Bagnolo Mella, Botticino, Castel Mella, Desenzano, Gavardo, Ghedi, Gussago, Lonato del Garda, Montichiari, Nave, Orzinuovi, Palazzolo S/Oglio, Rezzato, Rovato, Salo e Travagliato.

Leggi anche:  Gestione dei cinghiali a Brescia: il TAR boccia il piano della Regione

Lotta alla ludopatia e contrasto del gioco d’azzardo

Per lo sviluppo e il consolidamento delle azioni di contrasto al gioco d’azzardo patologico sono stati destinati ai Comuni dell’Ats di Brescia oltre 269.000 euro. I fondi sono stati così distribuiti: 132.672 euro per 9 progetti finanziati sulla Linea 1, assegnati in continuità con il precedente bando, ai comuni di Borgosatollo, Brescia, Collebeato, Comunità Montana Valle Trompia, Desenzano Del Garda, Comunità Montana Valle Sabbia, Montichiari, Ospitaletto. Per i 5 nuovi progetti finanziati sulla Linea 2 sono stati spesi 136.400 euro, assegnati ai comuni di Chiari, Comunità Montana Vallecamonica, Gottolengo, Palazzolo Sull’Oglio, Sebino Bresciano. “I nuovi interventi sulla ludopatia – ha precisato l’assessore – hanno a loro volta una dotazione di 719.000 euro per la provincia e di 86.200 euro per l’Ats di Brescia”.

Diritto al cibo

Infine i fondi assegnati per il 2019 sul diritto al cibo nell’Ats Brescia ammontano a 1,6 milioni di euro. In particolare sono stati destinati a: Gruppo 29 maggio ’93, Maremosso – organizzazione di volontariato, Cauto – cantiere autolimitazione cooperativa sociale a.r.l e Cooperativa sociale tempo libero. Gruppo 29 Maggio’93 – Progetto ‘Recuperiamo’ Ghedi realizzato col contributo regionale di 30.000 euro.

TORNA ALLA HOMEPAGE