Associazione 3.0 e violenza contro le donne: in 160 per sensibilizzare. Successo per l’evento di eri sera alla Pizzeria Capri di Ospitaletto.

Associazione 3.0 e violenza contro le donne: in 160 per sensibilizzare

La violenza sul web è un fenomeno dilagante, anche se se ne parla poco o, comunque, in maniera poco approfondita.
Ecco perché l’Associazione 3.0, in occasione della Giornata Mondiale contro la violenza sulle donne, ha organizzato una serata informativa sul tema.

L’evento

In 160 a riempire ieri sera la Pizzeria Capri di Ospitaletto, da anni solido partner degli eventi firmati #iodicono. La sinergia tra la titolare Rosaria Padovano, gli attivisti Massimo CavagniniLaura Trecani Silvia Guarneri trasforma ogni anno la location in un luogo di confronto significativo e sempre più partecipato.
Partendo dal caso tristemente noto di Tiziana Cantone, si è parlato della nuova legge “codice rosso”, entrata in vigore il 9 agosto e che tutela le vittime di violenza domestica e di genere.

Revenge porn

Il cosiddetto revenge porn è finalmente considerato reale. Ma c’è un “problema” di fondo.
La viralità.
L’ha spiegato molto bene l’Ispettore Superiore della Polizia di Stato dott. Alberto Colosio, che ha invitato a una “prevenzione ed educazione digitale”.
Anche la psicologa dott.ssa Eleonora Inverardi ha mostrato, attraverso alcune testimonianze, gli effetti emotivi e psicologici della revenge pornography, tra cui ansia, depressione, paura, rabbia, senso d’impotenza.
Questo fenomeno è quindi considerato un evidente evento traumatico.
“Il vero cambio di passo deve essere anzitutto culturale, e fondarsi sul rispetto delle persone,  e della loro sofferenza – ha affermato Trecani – A questo rispetto deriva naturalmente un uso consapevole e corretto del web e di tutta la tecnologia”.

Leggi anche:  Tabaccaia palazzolese campionessa da Gerry Scotti

Rugby Ospitaletto in rosso

Anche il CP rugby Ospitaletto e il Rugby Franciacorta ASD hanno aderito al progetto, accogliendo l’invito dell’Associazione 3.0 a “vestirsi di rosso”, sottolineando come sia fondamentale comunicare la sensibilità al tema anche da parte del mondo maschile.
Questo fine settimana oltre 350 giovani avranno un tocco di rosso sul viso durante le partite che si disputeranno sui vari campi da gioco.

 

TORNA ALLA HOMEPAGE