Assegnati contributi per agevolare realtà cittadine. L’Amministrazione comunale di Chiari ha agevolato tre attività per il recupero di locali sfitti.

Assegnati contributi

Approvata la prima graduatoria per le domande di contributo a fondo perduto alle imprese che intendono aprire nuove attività nel centro storico recuperando locali sfitti. Ben tre realtà che si sono fatte avanti per richiederlo, e che l’hanno ottenuto: si tratta di una società, di un’ottica e del negozio di abbigliamento di Andrea Zani.

Il progetto

Nell’ambito del progetto «Sto@Chiari», l’Amministrazione ha infatti ottenuto da Regione Lombardia un fondo di 30mila euro da destinare proprio alla riqualificazione del centro storico, sotto l’aspetto del commercio locale. L’ammontare complessivo delle spese richiesto dalle tre ditte era di oltre 43mila euro, di cui 37mila sono state giudicate ammissibili al contributo. Di questi ultimi più della metà, ovvero 18.531 euro, saranno appunto finanziati a fondo perduto dal Comune.

L’opportunità

C’è però ancora tempo per farsi avanti. I contributi sono infatti ancora a disposizione per le attività che ne faranno richiesta entro il 30 giugno 2018 secondo tutti i criteri del bando. Non si tratta di una graduatoria a “punteggio”. potrebbero ottenerli. Ad essere premiato è solo chi per primo richiede il contributo presentando la documentazione idonea. Le domande possono essere presentate allo sportello «Sto@Chiari» di piazza Zanardelli aperto il mercoledì e giovedì, dalle 15 alle 18. Ulteriori informazioni sul sito del Comune.