Il Gruppo giovani ambientalisti di Paratico ha scritto una relazione, sostenuta da numerose associazioni ambientaliste, per tutelare il bosco dei tassodi, dove a breve sorgerà un parco e poco distante, in tempi più lunghi, un’area residenziale privata.

Ambientalisti contro i lavori

Da alcune settimane sono iniziati i lavori per quello che è un progetto di lungo corso dell’Amministrazione Tengattini: la creazione di un parco dove ora c’è un’area lontano dal movimento delle persone, e la realizzazione di una zona residenziale poco distante.

I Tassodi sono degli alberi presenti proprio in questo bosco, che affondano le radici nel lago. Qui nidificano gli aironi.

Il parco dei tassodi

Il Comune ha intenzione di realizzare un parco con passerelle sospese e un infopoint per i turisti, ma l’area è protetta e dunque ci vorrebbe, per il Ggap, più tutela dell’ambiente.

L’area protetta e gli aironi

I firmatari della relazione sottolineano alcuni punti: “Questa è un’area tutelata per la presenza della terza garzaia (luogo di nidificazione degli aironi cinerini) più grande della Provincia di Brescia, difesa ai sensi dell’articolo 6 della Convenzione sulla conservazione della fauna selvatica e degli habitat naturali europei – hanno affermato – Già nel 2017 si è rilevata una una diminuzione di nidificazione del 6%”.

Leggi anche:  Convegno "Zero" a Provaglio: ottima la partecipazione e importanti i temi VIDEO

Per i firmatari dunque, il rumore dei lavori ha già danneggiato la fauna e continuerebbe a danneggiarlo quello dei turisti.

LEGGI ANCHE: Saranno smaltiti i rifiuti abbandonati lungo l’Oglio a Paratico

Le richieste

La missiva, inviata a Comune, Provincia, Regione e Parco dell’Oglio nord, chiede, fra le altre cose,  l’istituzione di un Tavolo delle aree regionali protette, nel quale le associazioni animaliste e ambientaliste attive nel Basso Sebino possano esprimere le proprie perplessità, e che la Commissione provinciale per l’ambiente naturale della Provincia di Brescia promuova “lo studio e la valorizzazione delle zone di particolare rilevanza naturale ed ambientale” 13 nelle
modalità previste dall’art.25 della stessa legge.

LEGGI ANCHE: Tutto il mondo in marcia per il clima

I firmatari

A firmare il documento il Gruppo giovani ambientalisti di Paratico, Lac Brescia, Legambiente Basso Sebino, Oipa Brescia, e associazione Garzaie Italia.

TORNA ALLA HOME PAGE