Alpini bresciani ad Arquata per l’inaugurazione del Centro polifunzionale. Sono partiti da tutta la Provincia per non perdersi il taglio del nastro.

Alpini bresciani ad Arquata

Lo hanno costruito mattone dopo mattone, visto crescere. E oggi non avrebbero potuto non inaugurarlo. Sono partiti con i pullman, da tutta la provincia, gli Alpini bresciani che non si sono voluti perdere l’inaugurazione del Centro polifunzionale di Arquata del Tronto, comune italiano di 1.137 abitanti della provincia di Ascoli Piceno e fortemente colpito dal terremoto del 2016.

La struttura dell’Ana

Si tratta di un punto di incontro e aggregazione, destinato ad attività varie sia lavorative che ricreative. E soprattutto sarà sede delle Penne nere. L’edifico, a tre anni dal sisma che ha portato via tutto, è sorto più forte che mai e vanta non soltanto una incredibile struttura, ma conserva anche tutto l’amore dell’Ana che ha investito sulla sua nascita. Dal bresciano, gli alpini che più volte ci hanno lavorato, sono dunque partiti sabato mattina per prendere parte alla cerimonia. Presenti all’appello il gruppo il gruppo di Chiari e di Zocco, Palazzolo, San Pancrazio, ma anche tanti altri come il gruppo partito con il presidente sezionale (Monte Suello Salò) Sergio Poinelli (con gli alpini della sezione Marche). Le emozioni? Qualcosa di incredibile e di indimenticabile.

TORNA ALLA HOMEPAGE