Basta guardare il cielo per avere conferma dell’allerta  lanciata nei giorni scorsi dai centri meteorologici: stasera dovrebbe (finalmente) arrivare la neve ma non dappertutto.

Neve incombente tra domenica e lunedì

“Al di là dei dettagli spiccioli da luogo a luogo, che in questa occasione sono ben poco predicibili, è utile farsi un’idea generale sulla dinamica complessiva, per evitare di alzarsi dal letto lunedì all’alba e … “ma non doveva nevicare?!”. O peggio di ritrovarsi ad affrontare strade innevate senza adeguato equipaggiamento” avverte lo stesso Centro Meteorologico Lombardo.

I meteorologi hanno pubblicato su Facebook questa grafica di previsione “proprio per consentirvi di ragionarvi la previsione da soli (nei limiti del buon senso: chi pretende di poter distinguere la previsione tra una città e quella 20 km accanto, è gravemente intossicato dalle app)”.

L’analisi del Centro meteorologico lombardo

Ebbene “nella notte tra sabato e domenica un vivace sistema frontale andrà a sfracellarsi contro le Alpi Occidentali. Povero lui” spiegava ieri, sabato,  il Centro Meteorologico Lombardo. “L’imponente muro orografico “proteggerà” il nostro territorio da eventuali precipitazioni, fatti salvi i crinali di confine retici (alta Valchiavenna, Grigioni, Livignasco) dove osserveremo qualche moderata nevicata in esaurimento in mattinata di domenica”.

Dopodiché, però, “dalla serata di domenica, una debole ansa ciclonica in quota scivolerà dalla Francia sud-orientale in direzione della Corsica, determinando una finestra di circa 12 ore favorevole allo sviluppo di alcune precipitazioni concentrate in larga prevalenza nei settori lombardi centro-meridionali (Alpi e Prealpi quasi totalmente escluse)”.

Domenica di relax (fino a sera)

Per questa ragione la giornata di domenica dovrebbe trascorrere con cieli molto nuvolosi o coperti, ma senza precipitazioni significative almeno fino a sera. “Godetevi il relax senza patemi d’animo” consigliano i meteorologi. La fase precipitativadovrebbe aver luogo a partire dalla serata, “con le prime pioviggini (o pioggia mista a nevischio) veicolate dai settori meridionali in progressiva estensione verso nord e con la fase più “attiva” nella notte su lunedì”.

Leggi anche:  Pioltello, gaffe del ministro dei Trasporti Toninelli

Dalla pioviggine alla neve asciutta

Nevicherà allora? Quanto? Dipende dalla consistenza dell eprecipitazioni, spiegano i meteorologi. “Con precipitazioni almeno moderate, l’iniziale pioviggine è destinata a trasformarsi rapidamente in neve asciutta. Al contrario, laddove  dovessero insistere precipitazioni irregolari o comunque più modeste, è verosimile l’assenza di accumuli nevosi al suolo”.

Leggi anche:  Un'assemblea pubblica per il nuovo sagrato a Brandico

Pressoché asciutto il settore alpino e prealpino, sfiorato il Meratese e la Bergamasca. “Riteniamo possibili accumuli al suolo solo nell’area evidenziata in viola nella mappa. Per quanto riguarda i quantitativi la stima è complessa: ipotizzabile da 0 a 2cm nelle aree di bordo (ovest Lombardia, pedemontane BG-BS, estremo Est Mantovano), da 2 a 5 cm in generale nelle medie pianure, localmente qualche cm in più scendendo nella Bassa tra Lodigiano, Cremasco e Piacentino”.

Nell’area metropolitana milanese

Per quanto riguarda l’area metropolitana milanese “è probabile una fase di neve asciutta nella notte dopo iniziale pioviggine o pioggia/neve in serata, con accumuli pressoché nulli o comunque modesti (0-2cm) in prevalenza nei quartieri meridionali.
Ad ogni modo: osserveremo un esaurimento dei fenomeni a partire da ovest già dall’alba di lunedì, con schiarite nel corso del pomeriggio/sera. A seguire tempo asciutto e variabilmente nuvoloso”.

Criticità in pianura padana

Infine qualche consiglio a chi lunedì mattina si troverà a viaggiare attraverso la pianura padana. “Si presti molta attenzione sulle direttrici padane interessate dalle nevicate con accumulo, in linea di massima Pavese, Lodigiano, Cremonese, Bassa Bergamasca, Bassa Bresciana e, per quanto riguarda le autostrade, il tratto A1 (MI-Bologna) da Lodi a Modena, la A21 da Piacenza a Brescia, il tratto pavese della A21 Torino-Piacenza e direttrici appenniniche per la Liguria (A7 e A26), la A4 nel tratto tra Bergamo e Brescia ovest”.

In ultimo, attenzione alla formazione di nebbie in area padana dalla serata di lunedì.