Sono arrivati a 200 i casi accerati di polmonite. Due i decessi. Diversi i pazienti gravi.

Gli ultimi numeri ufficiali

L’ultimo numero ufficiale risale a ieri sera. Gli accessi complessivi e resi ufficiali sono stati 235  nei pronto soccorso del territorio, quasi 200 quindi sono le persone attualmente ricoverate. Dodici quelle invece che sono state dimesse o non hanno accettato il ricovero e sono tornate a casa.
Confermati i due decessi, per uno dei quali la diagnosi accreditata è quella legata al batterio della legionella. Sul totale degli accessi di questi ultimi giorni, sono 12 i casi risultati positivi alla legionella.

Al lavoro Ministero e Istituto Superiore di Sanità

Ecco la nota emessa in queste ore:

Il ministero della Salute sta monitorando con attenzione fin dai primi casi registrati, la situazione che si sta determinando nelle provincie di Brescia e Mantova dovuta all’intensificarsi di casi di polmonite di origine verosimilmente batterica e particolarmente aggressiva.

L’Istituto superiore di Sanità ha ricevuto tutto il materiale organico relativo ai pazienti ricoverati e sta eseguendo in queste ore le dovute analisi batteriologiche.

Appena i risultati delle indagini saranno completati, il ministero della Salute metterà in atto ogni azione necessaria per il superamento dell’emergenza. Il ministero è in costante contatto con i responsabili sanitari del territorio.

LEGGI ANCHE:

Leggi anche:  Legionella a Castegnato, ma si tratta di una caso isolato

Polmonite, cosa fare

Legionella: grave 55enne di Carpenedolo

138 contagiati per polmonite

“Pensiamo sia batterica”

Legionella, a scuola solo acqua in bottiglia

Il sindaco di Calvisano tranquillizza i genitori

Allarme polmonite, sale il numero dei contagi