E’ stato presentato questa mattina il piano di rifacimento delle fogne dell’acquedotto di Iseo. Si tratta di una serie di lavori consistenti che coinvolgeranno Iseo e Clusane e che di certo creeranno disagi alla viabilità.

Il progetto

I lavori partiranno da domani e proseguiranno fino in primavera a seconda delle aree interessate.

L’obiettivo generale è quello di separare le acque bianche da quelle nere per ovviare ai problemi che si verificano durante i forti acquazzoni.

Il costo dell’intervento si aggirerà attorno ai 750mila euro dei quali 225mila sostenuti dal Comune, 150mila da Acque bresciane, 125mila da Regione Lombardia nell’ambito degli interventi del dopo Floating Piers, e il restante da Autorità di Bacino e dalla Regione all’interno di altri progetti.

Il calendario degli interventi

La prima via coinvolta sarà via Sambuco per la sostituzione completa delle tubature che proseguirà fino al 5 ottobre. A seguire e fino a fine novembre verranno interessati i sottoservizi di piazza Mazzini e dei vicoli adiacenti. Da metà ottobre e fino a primavera (con un fermo nel periodo natalizio) sarà la piazzetta del porto Gabriele Rosa a essere coinvolta.

Leggi anche:  Integrazione studenti disabili: la Regione supplisce alle carenze dello Stato

A seguire verranno sistemate anche le tubazioni di vicolo Ranzanici, che sfocia in via Mirolte e a gennaio i lavori coinvolgeranno via Risorgimento a Clusane.

I disagi

A presentare i lavori c’erano il sindaco Riccardo Venchiarutti e l’assessore ai Lavori pubblici Pasquale Archetti; hanno ammesso che i lavori potranno creare disagi ma che sono inevitabili anche per effettuare altre opere.