Tanti ospiti al convegno ospitato venerdì mattina nella sala civica di Rovato, dedicato ai temi dell’agricoltura e sostenibilità. Tra i relatori il meteorologo Andrea Giuliacci, Francesco Vincenzi, presidente dell’Anbi (Associazione Nazionale dei Consorzi per la Gestione e la Tutela del Territorio e delle Acque Irrigue), il presidente nazionale di Coldiretti Ettore Prandini e l’assessore regionale Fabio Rolfi.

Agricoltura e cambiamenti climatici

“E non ci sono più le mezze stagioni… Agricoltura e sostenibilità in tempi di cambiamenti climatici”. Questo il titolo del convegno, inserito tra le iniziative promosse per celebrare la giornata proviciale del Ringraziamento. Un incontro interessante che ha scandagliato un tema complesso con l’ausilio di ospiti autorevoli.“In Italia i cambiamenti climatici hanno colpito con un’intensità superiore a quella della media planetaria, in inverno c’è meno neve e in estate più caldo – ha spiegato Giuliacci – Assistiamo a una rapida ritirata dei ghiacciai alpini, basti pensare che in 50 anni la loro superficie è diminuita di circa il 30%”. In tema di agricoltura è intervenuto anche l’assessore regionale lombardo all’Agricoltura, Alimentazione e Sistemi Verdi Fabio Rolfi: “L’agricoltura subisce i cambiamenti climatici senza provocarli, anzi, è una delle soluzioni al problema. Il settore primario in Lombardia ha abbattuto le emissioni, contribuisce a creare energia pulita ed è una attività di presidio ambientale in alcune zone che si stanno spopolando. Per questo contrasteremo una visione ideologica che vorrebbe trasformare la prossima Politica agricola comune in uno spot ambientalista”. Per Prandini “nell’affrontare finora i cambiamenti climatici  l’errore è stato quello di agire sull’urgenza e non sulla programmazione di politiche a lungo periodo”.

Leggi anche:  Associazione La Rata: donati 3mila euro alla Fobap Onlus di Maderno

Le iniziative continuano

Prossimo appuntamento in calendario domenica 17 novembre sarà la sfilata coi trattori fino a piazza Cavour, la Messa delle 9.30 presieduta dal vescovo Tremolada e  a seguire la benedizione dei mezzi agricoli.

 

TORNA ALLA HOME PAGE