Se ne è andato  Don Leandro Ghidinelli, 90 anni, curato amatissimo di Quinzano e Adro, fu anche missionario in Venezuela.

Addio a don Leandro

E’ morto ieri, primo aprile, don Leandro, prete amatissimo da tutti i suoi parrocchiani tanto che a Quinzano d’Oglio è stata chiesta dai ragazzi che frequentavano l’oratorio dal 1962 al 1968 di conferigli la cittadinanza onoraria e così e stato.

Nato il 28 ottobre del 1928, dopo essere stato a Quinzano fu curato a Adro dal 1962 al 1968 e parroco di Anfurro dal 1968 al 1971.

Dopo queste esperienze nel bresciano divenne cappellano in Svizzera fino al 1974, negli anni in cui erano gli italiani a emigrare e fu missionario in Venezuela per più di un ventennio dal 1974 al 1999.

A seguire tornò a Brescia come presbitero collaboratore ad Angolo Terme in Valle Camonica. Attualmente viveva ad Anfurro, dove era stato parroco.

LEGGI ANCHE: Cittadinanza onoraria di Quinzano a Don Leandro Ghidinelli

Cittadinanza onoraria

L’iniziativa della cittadinanza onoraria a Quinzano era partita da un gruppo di cittadini quinzanesi e non, meglio noti come “I ragazzi di Don Leandro”, che hanno chiesto all’Amministrazione comunale di prendere in considerazione la possibilità di conferigli la cittadinanza onoraria.

Leggi anche:  Il nuovo numero di Chiariweek è in edicola

Il 27 settembre del 2018, a pochi giorni dai suoi 90 anni, il Consiglio comunale, con voto unanime di maggioranza e opposizione, gli ha conferito il riconoscimento.

L’ultimo saluto

I funerali avranno luogo ad Angolo Terme, nella parrocchia di San Lorenzo Martire, giovedì 4 aprile alle 15. Saranno presieduti da vescovo monsignor Pierantonio Tremolada.

La veglia di preghiera si terrà mercoledì 3 marzo alle 20 con la messa presieduta dal vicario episcopale per i sacerdoti nella chiesa di Anfurro. Don Leandro arriverà a Adro alle 17.30 di giovedì nella chiesa di San Rocco.

TORNA ALLA HOME PAGE