É stata presentata ieri sera in conferenza stampa a Gardone Riviera, la prima edizione della «13 Miglia d’Annunzio Run».

L’idea arriva dal comune di Gardone Riviera  al gardonese Claudio Amati: nove volte azzurro della nazionale di corsa in montagna. Specialità che ancora oggi lo vede dominare, a livello mondiale, nella categoria master.

É inoltre allenatore della nazionale di corsa in montagna e segue direttamente Alessandro Rambaldini, vincitore nel 2016 dell’oro sulle lunghe distanze in Slovenia.

Con la Robur Barbarano, Amati raccoglie la sfida e inizia questa nuova gara, la «13 Miglia d’Annunzio Run», gara competitiva di corsa in montagna (21 chilometri), inserita nel calendario delle gare Fidal.

Parallelamente alla competitiva si svolgerà una gara podistica non competitiva (10 chilometri) denominata «La 10 km gardonese».

L’appuntamento è per giovedì 11 novembre: arrivo e partenza da Piazza del Vittoriale.

La competitiva prevede la salita verso San Michele, passando per il vicino comune di Toscolano Maderno. Verranno attraversati Bezzuglio, Sanico, Vigole, Montemaderno e Bornico. Il tutto su un percorso non troppo impegnativo;

Leggi anche:  Che festa a Bagnolo per il 60esimo degli Alpini

il percorso della non competitiva ricalca, invece, quello delle edizioni precedenti: salita verso San Michele, discesa fino a Fasano Sopra lungo la Valle della Calma, passaggio a Fasano Sotto e ritorno alla partenza.

 

Presenti Ruggero Zambelli (presidente Asd Robur Barbarano), Renzo Mulazzi (consigliere comunale delegato Sport e Associazioni), Vasco Piscioli (main sponsor Asd Robur Barbarano – organizzatore tecnica della gara).

A moderare l’incontro Flavio Casali (scrittore e dirigente del comune di Salò).