Un flash mob per sensibilizzare voluto dai ragazzi delle scuole medie

Un flash mob per dire sensibilizzare sul tema della rete e del cyber bullismo

Basta poco per dire “no” ai pericoli della rete. Un flash mob fortemente voluto dagli studenti del polo dell’Istituto Comprensivo di Palazzolo sull’Oglio ha colorato gli spazi del cortile della scuola di via Zanardelli nella mattinata del 5 febbraio. Da anni è attivo un percorso di sensibilizzazione e di educazione all’uso corretto del web per una scuola digitale vicina agli alunni, sempre più esposti ai rischi della rete. Martedì 5 è la Giornata Mondiale Onu della Sicurezza in Rete.

Il flash mob

Pochi minuti dopo la ricreazione delle 11, i ragazzi sono scesi nel cortile a lato del polo didattico. Le diverse classi che hanno aderito all’iniziativa hanno formato un nodo umano in movimento cercando di ricreare una forma geometrica, simbolo della rete e dell’iniziativa. Pochi minuti per coinvolgere questa grande catena umana di classi, studenti, docenti e personale docente tutti uniti nel portare avanti questo messaggio.

Dati alla mano della rete

Secondo recenti sondaggi, oltre il 60% dei bambini e adolescenti entrano in chat o nel social più diffusi più volte ogni giorno. Tre bambini su quattro sono disposti a condividere informazioni personali in cambio di favori e aiuti. Ogni anno infine un bambino su cinque diventa bersaglio di predatori virtuali secondo le stime più recenti.

Leggi anche:  Omicidio Bani, dal Ministero non è partita alcuna richiesta

La performance

La performance si è conclusa con una grande ola e un saluto.

La voce della dirigente Secchi Camilla

Anche la dirigente scolastica ha dato il suo plauso all’evento e all’iniziativa che da anni vede attivo il polo in questa direzione di prevenzione e di informazione.

Non si fermano le attività didattiche su questa tematica

Non solo flash mob per sensibilizzare le nuove generazioni sulla cultura dell’uso appropriato dei mezzi di comunicazione, della rete e del mondo social, ma continueranno gli incontri nel polo di via Zanardelli a febbraio e a marzo. Il 27 febbraio, alle 20.45, si terrà una serata dal titolo:”Giochi e relazioni virtuali in adolescenza, come essere adulti autorevoli nell’epoca di internet e del narcisismo”. Relatore dell’incontro sarà il prof. Matteo Lancini, noto psicologo e psicoterapeuta. Il 6 marzo invece il dottor Riccardo Calandra, psicologo clinico dello sviluppo, parlerà della vita virtuale tra realtà e falsità, di fake news e di responsabilità.