Protezione Civile in campo: al via la “Tre Lustri” di Cazzago San Martino, la maxi esercitazione vedrà impegnate le Giubbe Gialle su tutto il territorio con l’ausilio dei Vigili del Fuoco, dei soccorritori e delle Forze dell’Ordine.

Un maxi esercitazione

Incendi, terremoti, ricerca dispersi, incidenti stradali e chi più ne a ne metta. Niente paura, non è l’apocalisse: è la “Tre Lustri”, la maxi esercitazione organizzata dalla Protezione Civile di Cazzago che ha deciso di festeggiare il suo 15 compleanno direttamente sul campo, dove ogni giorno spendono fatica e sudore. Assieme a loro ben 19 gruppi di Giubbe gialle da tutti il territorio (suddivisi nella specialità di antincendio boschivo, unità cinofile da ricerca, emergenza idrogeologica, segreteria e comunicazioni radio), supportato dal prezioso aiuto della Polizia Locale e dei Carabinieri Locali, nonché dall’Anc e dai Vigili del Fuoco di Brescia e di Chiari. Un totale di 450 volontari impegnati e 55 mezzi operativi (tra cui un’elicottero dal gruppo del Sebino) in 15 scenari operativi su cui il sipario è stato aperto ieri sera con la simulazione di un’emergenza per maltempo con ricerca dispersi e recupero dei feriti.

Leggi anche:  Sindaco di Passirano riconfermato alla guida di Terre della Franciacorta

Si continua fino a domenica

I “giochi” sono stati riaperti questa mattina con la messa in sicurezza del boschetto di via Roma, a Calino, un intervento in località Pedrocca, e la simulazione di un intervento sismico e incendio all’archivio storico di Bornato con evacuazione feriti, mentre il campo base ha aperto le porte alle classi seconde terze della scuola media per un tour guidato alla scoperta dei retroscena delle operazioni.

 

Si continua anche oggi, alle 14.30,  con la simulazione di un incidente stradale al cimitero di Calino.

TORNA ALLA HOME PAGE