Ore di angoscia per la giovane mamma uscita di strada

Sono ore di angoscia a Pavone del Mella e Cigole per le condizioni di salute di Alberta Molinari, la giovane mamma uscita di strada martedì mattina mentre stava andando a lavoro.  La giovane mamma, che ha origini pavonesi, ma che risiede con il marito e il figlioletto di quattro anno, versa in condizioni disperate nel reparto di Rianimazione dell’ospedale Civile di Brescia.

Quanto accaduto

Erano le otto del mattino quando è giunta la chiamata al 115 che diceva di un’auto uscita di strada lungo la provinciale VII. Subito sul posto sono giunti i Vigili del Fuoco di Verolanuova, un’ambulanza e un’auto medica. La scena che si sono trovati davanti è stata drammatica. La Lancia Ypsilon della 32enne si trovava ai piedi della piccola scarpata che costeggia la carreggiata e la donna era esanime nell’abitacolo. Il suo cuore aveva già smesso di battere. Ma la prontezza dei soccorritori, che hanno immediatamente messo in pratica le manovre di rianimazione, sono riusciti a riportarla in vita. Sul posto nel frattempo è giunta anche l’eliambulanza che ha trasportato la 32 enne, all’ospedale cittadino. Al vaglio della Polizia Stradale, giunta sul posto insieme ad una pattuglia della Polizia Locale di Leno, la dinamica di quanto accaduto. Secondo una prima ricostruzione la giovane mamma avrebbe perso il controllo dell’auto a causa di una distrazione al volante oppure di un malore improvviso.

Condizioni ancora gravi

Al setaccio le immagini delle telecamere di videosorveglianza per individuare i veicoli che sono transitati subito dopo la Ypsilon e che potrebbero aver visto qualcosa. Una strada piuttosto trafficata anche di prima mattina e quindi sembra quasi impossibile che nessuno possa essersi accorto di nulla. Il testimone che ha lanciato l’allarme infatti non ha aspettato l’arrivo dei soccorsi ed ora gli agenti sono sulle sue tracce. Escluso per ora il coinvolgimento di un’altra vettura. Ora le sue condizioni di salute restano gravissime: operata alla testa per ridurre un grande ematoma, Alberta ha riportato un trauma cranico e diverse tumefazioni che tengono la sua vita appesa ad un filo.