Festeggiati stamattina i 160 anni del comune Gerola Zurlengo in occasione della ricorrenza del IV novembre.

La cerimonia

Tanti i gagliardetti presenti e le rappresentanze delle autorità civili e militari che stamattina hanno festeggiato il 4 novembre a Gerolanuova e Zurlengo e con esso i 160 anni del comune. Un occasione per onorare la memoria dei caduti e ripercorrere il passato con l’esempio delle persone che hanno lasciato un segno. Onorata difatti la memoria dell’alpino Paolo Colossi, dei presidenti dell’associazione reduci e combattenti Paolo Bracca, Francesco Peretti e Gianpietro Zuppelli, e insignito della medaglia d’argento l’attuale presidente Piero Marchesini.

“La storia continua, e ripercorrerla e farla nostra ci da il senso di chi siamo, dove siamo e del perché siamo” ha spiegato Aldo Paloschi presidente della Federazione provinciale dei Reduci e combattenti di Brescia.

Una storia che ha portato alla luce quanto già nel 1859 nel piccolo paese bresciano ci fosse un’attenzione straordinaria all’istruzione, alle scuole e ai bambini, senza distinzioni di sesso. Risalgono inoltre al 1861 le prime scuole serali e festive per gli adulti analfabeti. Informazioni contenute nel libro originale delle delibere dei primi tre anni di vita del comune, che Paloschi ha consegnato alla sezione di Gerola.

TORNA ALLA HOME 

Leggi anche:  Il nuovo numero di Chiariweek è in edicola