Espulsioni disposte dalla Questura di Brescia. Durante il corso del 2017 il numero ammonta a 1139. La Polizia di Stato ora proseguirà con  l’attività di controllo dell’immigrazione.

Provvedimenti di espulsione

Come sostiene l’addetto dell’ufficio stampa della Questura di Brescia, il numero delle espulsione disposte dal 1 gennaio al 31 dicembre 2017 è di 1139, suddivise nel seguente modo. 261 Espulsioni con Accompagnamento alla Frontiera. 110 Espulsioni con Trattenimento al C.I.E. 689 Espulsioni con Ordine del Questore. 79 Espulsioni con Partenza Volontaria. Le cittadinanze dei soggetti espulsi sono prevalentemente marocchine, nigeriane, senegalesi, tunisine ed albanesi.

Il caso del cittadino algerino

Il 16 dicembre un cittadino algerino è stato condotto a mezzo della forza pubblica all’aeroporto di Roma Fiumicino. Da qui è stato rimpatriato in Algeria con volo diretto. Il soggetto aveva fatto richiesta di permesso di soggiorno per lavoro subordinato alla Questura di Brescia nel marzo 2011. Alla scadenza del permesso, nel 2013, si era presentato alla Questura di Cuneo, ottenendo rinnovi del permesso di soggiorno fino al giugno del 2015. Nell’ottobre dello stesso anno era stato fermato dalle forze dell’ordine in territorio bresciano. Qui era stato trovato senza valido documento di soggiorno, non avendo provveduto a presentare richiesta di rinnovo del permesso di soggiorno. A seguito di questo fermo, era stato emesso nei suoi confronti un provvedimento di espulsione con relativo ordine del Questore.

Leggi anche:  Dalla Romania sfruttavano un giro di prostitute in provincia: arrestati

Fermato per reati di spaccio

L’algerino, dopo questo primo provvedimento, era stato fermato più volte dalla Polizia di Stato e dalla Polizia Locale e fermato per svariati reati in materia di spaccio di sostanze stupefacenti e reati contro il patrimonio. A seguito di questi fermi, erano stati emessi a suo carico altri provvedimenti con ordine del Questore di lasciare il Territorio Nazionale, da lui disattesi. Recentemente, l’algerino è stato riconosciuto dai poliziotti della Questura nel filmato andato in onda sul Tg satirico “Striscia la notizia”, relativo al fenomeno dello spaccio di sostanze stupefacenti nella zona della stazione ferroviaria di Brescia. Il soggetto, grazie alle immagini, è stato rintracciato e per lui sono state avviate le procedure espulsive.

Il console Generale dell’Algeria di Milano, riconosciuta la rilevanza del caso, anche dopo la visione del filmato offerta dai poliziotti, il 15 dicembre ha accordato il rilascio in via eccezionale di un lasciapassare, grazie a cui, il 16 dicembre, l’algerino è stato espulso.