Michele Serena ha lasciato per la seconda volta la guida tecnica della Feralpisalò. L’annuncio è di questo pomeriggio.

Una seconda volta

Per l’allenatore veneto finisce la seconda esperienza in riva al Garda. La prima era cominciata e terminata nel 2015, con un inizio di campionato da nono posto nell’allora Lega Pro e il successivo esonero a novembre quando fu sostituito da Aimo Diana; poi il ritorno un anno e un giorno fa subentrando ad Antonino Asta e i quarti di finale playoff raggiunti a maggio. Oltre a Serena lasciano anche il vice Davide Zanon e il preparatore Maurizio Ballò.

La situazione attuale

Le dimissioni del mister arrivano a una settimana dalla fine del mercato, che ha visto gli arrivi di Elia Legati e Ricardo Bagadur in difesa, di Michele Rocca a centrocampo e di Andres Ponce e Antonio Loi in attacco, con le partenze del portiere Federico Rausa e del difensore Raffaele Alcibiade, il prestito di Giuseppe Boldini al Sanremo (serie D) e il ritorno a Carpi della punta Lamin Jawo. La sconfitta per 1-3 con il Vicenza, arrivata un po’ a sorpresa, ha rallentato la corsa playoff dei salodiani che ora cercano il riscatto. La squadra è stata affidata per ora a Cesare Beggi, già coordinatore delle giovanili, in attesa di sapere se si continuerà così o se la società cercherà un sostituto.

Leggi anche:  Salò-Alessandria andata e ritorno per la Feralpi

Si torna in campo sabato

Non c’è tempo di fermarsi a riflettere: sabato i verdeblu sono attesi dalla trasferta contro il Pordenone, squadra che dopo aver sfiorato l’impresa in Coppa Italia a dicembre contro l’Inter sta faticando un po’ in campionato dove è all’ottavo posto con 30 punti, tre in meno della Feralpisalò che ha l’obbligo di tornare a fare punti per contrastare le immediate avversarie Sambenedettese, Renate, Reggiana e Bassano.